Condividi

Ieri sera, ad Arcore, Umberto Bossi, insieme a Calderoli e Maroni, ha incontrato a cena Silvio Berlusconi per discutere di Fazio e della Banca d’Italia.
Di quello che si sono detti mi interessa molto poco, ricordo solo che esistono luoghi istituzionali per prendere decisioni su temi che riguardano i cittadini italiani.

Bossi però mi intristisce, una volta era diverso, una persona con cui si poteva non essere d’accordo, ma che aveva il coraggio delle sue parole.
Ascoltiamo alcune sue dichiarazioni grazie alla Macchina del Tempo, prima che si alleasse con Berlusconi.
Com’eri grande Umberto prima di fare il cameriere ad Arcore.

“Incontrare di nuovo Berlusconi ad Arcore? Lo escludo, niente piu’ accordi col Polo. Con questa gente niente accordi politici: è un partito in cui milita Dell’Utri, inquisito per mafia.

Silvio Berlusconi era il portaborse di Bettino Craxi. E’ una costola del vecchio regime. E’ un povero pirla, un traditore del Nord. Il suo Polo e’ morto e sepolto, la Lega non va con i morti.

Berlusconi mostra le stesse caratteristiche dei dittatori. E’ un Kaiser in doppiopetto. Un piccolo tiranno, anzi e’ il capocomico del teatrino della politica. Un Peròn della mutua. E’ molto peggio di Pinochet. Berlusconi e’ l’uomo della mafia. E’ un palermitano che parla meneghino, un palermitano nato nella terra sbagliata e mandato su apposta per fregare il Nord.

La Fininvest e’ nata da Cosa Nostra. Ci risponda: da dove vengono i suoi soldi? Dalle finanziarie della mafia? A me personalmente Berlusconi ha detto che i soldi gli erano venuti dalla Banca Rasini. In quella stessa banca lavorava anche il padre di Silvio e c’erano i conti di numerosi esponenti di Cosa Nostra.

Bisognerebbe conoscere le sue radici, la sua storia. Gelli fece il progetto in Italia e c’era il buon Berlusconi nella P2. Poi nacquero le holding. In Forza Italia ci sono oblique collusioni fra politica e omertà criminale e fenomeni di riciclaggio. L’uomo di Cosa Nostra, con la Fininvest, ha qualcosa come 38 holding, di cui 16 occulte. Io con Berlusconi sarò il guardiano del baro. Siamo in una situazione pericolosa per la democrazia: se quello va a Palazzo Chigi, vince un partito che non esiste, vince un uomo solo, il Tecnocrate, l’Autocrate. Io dico quel che penso, lui fa quel che incassa. Tratta lo Stato come una società per azioni.

Ma vi pare possibile che uno che possiede 140 aziende possa fare gli interessi dei cittadini? Berlusconi, come presidente del Consiglio e’ stato un dramma. Quando e’ in ballo la democrazia, a qualcuno potrebbe anche venire in mente di fargli saltare i tralicci dei ripetitori. Perché lui con le televisioni fa il lavaggio del cervello alla gente, col solito imbroglio del venditore di fustini del detersivo. Le sue televisioni sono contro la Costituzione. Bisogna portargliele via. Ci troviamo in una situazione di incostituzionalità gravissima, da Sud America. Un uomo ha ottenuto dallo Stato la concessione delle frequenze tv per condizionare la gente e orientarla al voto”.

AVVISO PER LA SOTTOSCRIZIONE: “FAZIO VATTENE”.

La pagina con la richiesta a Fazio di andare a casa uscirà domani, giovedì 1° settembre, sulla Repubblica.