Condividi

“Il pittoresco articolo pubblicato questa mattina da La Stampa, dal titolo “Strasburgo, macchina con autista. Il benefit segreto dei grillini“, ha come unico scopo quello di gettare fango sulla delegazione del Movimento 5 Stelle in Europa. Nell’articolo si descrivono gli eurodeputati del M5S come grandi utilizzatori di fantomatiche “auto blu” per gli spostamenti al Parlamento europeo, ma questo è falso. La maggior parte dei deputati, infatti, raggiunge la sede di lavoro a piedi o in bicicletta e, ovviamente, non vengono mai menzionati o fotografati. Per i pochi che hanno utilizzato l’auto del Parlamento, si precisa che si tratta sostanzialmente di una navetta collettiva messa a disposizione di tutti i 751 deputati per gli spostamenti da e verso il Parlamento. In tal modo, con un sistema di car sharing si riducono di fatto i costi che, invece, comporterebbe l’uso intensivo e singolo di taxi. Non è quindi un sistema di privilegi, ma è un servizio volto al contenimento della spesa. La vera notizia, quindi, è proprio un’altra: i deputati del Movimento 5 Stelle fanno risparmiare soldi al Parlamento. Non è la prima volta, e non sarà nemmeno l’ultima.” I portavoce M5S in Europa