Condividi


“In commissione Bilancio si discute oggi delle modalità di pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese. Il M5S ha presentato numerosi emendamenti, alcuni già respinti. Uno può essere ancora approvato: inserire un criterio semplice, eticamente corretto, che non prevede alcun accordo tra gli enti locali (quindi tra i politici). Un criterio che si concentra sulle imprese, vere vittime dell’inefficienza finanziaria della PA. Saldare i crediti più “anziani” prima e seguendo un criterio cronologico e poi quelli più “giovani“. Niente distinzioni geografiche, ma soltanto cronologiche. Il risultato di questa operazione sarebbe un riequilibrio degli indici di sofferenza creditizia delle aziende italiane sull’intero territorio nazionale dando ad ognuna di esse la stessa opportunità di ripartire.
No a discriminazioni nel pagamento dei debiti della PA.
Nessuno deve restare indietro.” Girolamo Mimmo Pisano, M5S Camera