Condividi

Ho commesso un errore con il tronchetto dell’infelicità. L’ho sopravvalutato. Credevo che controllasse la più grande azienda italiana con lo 0,8%. Quasi nulla, ma sempre qualcosa. Non è così. Il tronchetto è meno di un tronchetto, è un nano tronchetto. Visibile solo con gli speciali microscopi elettronici dei direttori dei giornali. Che lo hanno sempre considerato un gigante per la pubblicità che la Telecom spandeva sull’informazione grazie al nostro canone .
Il nano tronchetto possiede (STATE FERMI!!!!) solo lo 0,08% di Telecom. Se l’avessi saputo prima avrei potuto fargli un’offertina. I titoli dei giornali riportano: “Tronchetti mette in vendita la società che controlla la Telecom”. Io ci sono! Voglio partecipare all’asta! Quanto potrà valere il pacchetto di controllo dello 0,08% con cui il nano tronchetto ha potuto fare quello che ha voluto in Telecom? 10-15.000 euro? Bersani stia tranquillo, ce li metto io per togliere ogni tentazione agli stranieri.
La Pirelli ha perso nel 2006 un miliardo di euro grazie al nano tronchetto. La Pirelli ha dovuto svalutare la sua partecipazione in Telecom a 3 euro per azione, il valore di acquisto era stato di 4,175 euro. Peccato che il titolo stia crollando in mancanza di strategie industriali e di investimenti sulla rete durati per anni. Telecom vale poco più di 2 euro. La Pirelli dovrà svalutare di nuovo? E tenersi il suo nano presidente da un miliardo di euro di perdita all’anno?
Si dice che su Telecom il sereno tornerà con la conclusione delle inchieste giudiziarie sulle intercettazioni che faranno piazza pulita. Io non sono contento, preferirei che la classe dirigente e i grandi azionisti indebitati di Telecom siano giudicati e allontanati per la mancanza di risultati, per le stock option che hanno incassato insieme ai mega stipendi, per le decine di migliaia di lavoratori messi in mezzo a una strada. E infine c’è una cosa che proprio non mi va giù. Non possono scappare con il bottino. Quello lo devono restituire agli italiani fino all’ultimo centesimo.
Ps: L’iniziativa Share action continua.