Condividi

“Il Parlamento è bloccato da un impasse che impedisce l’elezione dei tre giudici mancanti alla Corte costituzionale. I partiti non vogliono mollare sulla loro smania di controllo degli organi costituzionali e continuano a voler piazzare i loro uomini nei più alti scranni del potere giudiziario.
A loro ricordiamo che l’ultimo giudice eletto alla Consulta si chiama Silvana Sciarra ed è stata eletta solo grazie alla condivisione del metodo del MoVimento 5 stelle. Appunto, l’ultima eletta, da allora solo fumate nere. Questo non vi suggerisce nulla?
Andiamo verso la 30esima votazione che si svolgerà lunedì 14 dicembre, ma ancora il Pd si ostina a sostenere un candidato come Francesco Paolo Sisto che, non solo è un parlamentare in carica nonché avvocato di Berlusconi, ma ha anche dimostrato di non avere alcuna coerenza: dopo aver sostenuto col massimo delle forze l’Italicum quando Berlusconi ha cambiato idea si è ritirato perfino da relatore.
Il M5S non potrà mai votare un candidato così, il Pd se ne faccia una ragione e segua il nostro esempio. Agli appelli a fare presto dei Presidenti Mattarella, Grasso e Boldrini preferiamo gli appelli a fare presto e BENE, che significa abbandonare il tentativo di lottizzazione in corso da parte dei partiti, sostituendolo col metodo della trasparenza che il M5S propone da ormai 18 mesi”.
Danilo Toninelli, M5s Camera