Condividi

Il programma del Pd a Roma l’aveva enunciato il finanziatore Buzzi: “Speriamo che il 2013 sia un anno pieno di monnezza, profughi, immigrati, sfollati, minori, piovoso così cresce l’erba da tagliare e magari con qualche bufera di neve: evviva la cooperazione sociale“. E così è stato. Ora il finanziatore del Pd Buzzi è in carcere e il Pd è rimasto senza programma come ammesso da Giachetti: “Io ancora non l’ho fatto il programma, non c’è nessun programma del Pd“. Nessuna idea, nessun programma. Solo un presidenteminkia come Orfini che, dopo aver scroccato ai romani 170.000 euro di affitto della sede di via dei giubbonari, invita i candidati piddini a “litigare un po’ per ravvivare il confronto” e prendere in giro ai romani. Il giorno del voto è sempre più vicino, il nervosismo piddino è palpabile. Virginia Raggi sindaco è l’incubo loro e dei mafiosetti della capitale e senza i soldi di Buzzi, che pagava pure lo stipendio ai piddini romani, questa campagna elettorale sarà dura per il Pd. #RomaAiRomani!

VIDEO L’audio che smaschera Orfini su Mafia Capitale