Condividi


Se le aziende chiudono per mancanza di ossigeno perché le banche sono obbligate a comprare titoli di Stato e hanno bloccato il credito – se il Governo evita di tagliare le spese e aumenta le tasse – se lo Stato non rimborsa i crediti alle imprese – se aumenta la disoccupazione a livelli mai visti dal dopoguerra per la scomparsa delle aziende a causa delle tasse, del credit crunch e della crisi – se il gettito per l’Erario scende per la diminuzione continua di occupati e imprese. Se tutto questo avviene senza che lo spread migliori, è evidente che l’unica soluzione è l’aumento della benzina. I governi cambiano, da Andreotti a Monti, ma la medicina è sempre la stessa. Verso la catastrofe con ottimismo.