Condividi


Le cause della balbuzie possono essere di vario tipo, però, per le mie ricerche, la componente psicologico – relazionale ha un ruolo predominante. Ci sono scuole di pensiero che vedono la balbuzie anche come un disturbo di tipo genetico. Però va sottolineato che il balbuziente nel chiuso della propria stanza, quindi non sottoposto a giudizio esterno, non balbetta mai.” Antonio Bitetti

Intervista a Antonio Bitetti, Fondatore dell’Istituto Europeo per la Balbuzie

Condizionati dal giudizio esterno (espandi | comprimi)
Buongiorno a tutti gli amici del blog di Beppe Grillo, sono Antonio Bitetti, sono il fondatore dell’Istituto Europeo per la Balbuzie, sono uno psicologo, mi occupo di questo problema da più di 20 anni, devo sottolineare anche che sono stato balbuziente fino all’età di 30 anni, ne ho 50, quindi ho un percorso personale di vissuto di questa difficoltà.

Il 2/3% della popolazione mondiale è affetta da balbuzie (espandi | comprimi)
Il balbuziente è condizionato nella sua vita quotidiana, a volte evita la relazione per non essere deriso, è un timido fondamentalmente, proprio perché giustifica questa matrice di fondo, questo aspetto autosvalutante che è in contrapposizione all’elemento grintoso che la persona dovrebbe avere