Condividi
Photo Di Shutterstock

di Scott Santens – Sentire i manifestanti cantare all’unisono, “Non riesco a respirare”, è qualcosa che colpisce visceralmente. È un appello all’importanza della nostra vita individuale. Abbiamo il diritto alla vita e vogliamo rimanere vivi. George Floyd è stato privato dell’aria di cui aveva bisogno per esistere. È stato ucciso.

Privare dell’aria non è l’unico modo per spogliare qualcuno del suo legittimo accesso a ciò di cui ha bisogno per vivere. Tutti abbiamo bisogno dell’aria, ma abbiamo anche tutti bisogno di cibo. Non possiamo respirare se non possiamo mangiare e capire ciò equivale a capire che la anche la povertà è ingiustizia. Uccide.

La povertà è fraintesa come una mancanza di risorse, ma la povertà come esiste oggi è uno status legale. È un atto violento di espropriazione che crea la povertà. Centinaia di anni fa, non esisteva la condizione del non avere nulla, perché tutti avevamo il pianeta come risorsa naturale condivisa.

Il libero accesso alla Terra è una forma di ricchezza naturale.

Abbiamo distrutto quell’accesso e lo abbiamo fatto apposta. O dovrei dire che alcune persone lo hanno fatto apposta, perché lo hanno riconosciuto come ricchezza e capito che se lo avessero fatto e altri no, avrebbero potuto costringere gli altri a fare ciò che volevano.

Questo è il motivo per cui la giustizia razziale e la giustizia economica sono così indissolubilmente intrecciate. Espropriando le persone della loro eredità naturale che gli appartiene legittimamente, e quindi l’accesso a ciò di cui hanno bisogno per vivere, possono essere soggiogati.

Non saremo mai all’altezza dei principi fondanti di questa nazione  (Stati Uniti, ndr) fintanto che negheremo l’accesso ai bisogni fondamentali della vita, alle condizioni decise da coloro che hanno il controllo delle risorse. Le leggi sono scritte per riconoscere che siamo tutti uguali. Dobbiamo renderle reali.

Ottenere la giustizia razziale all’interno di un sistema monetario richiede una giustizia economica. Dobbiamo assicurarci che, poiché siamo tutti uguali ai sensi della legge, siamo anche tutti uguali rispetto ad un accesso minimo alle risorse. Dobbiamo eliminare la povertà che abbiamo creato. Dobbiamo smettere di negare l’accesso all’essenziale.

Il reddito universale pone fine alla povertà che abbiamo creato. Restituisce l’accesso universale a ciò di cui abbiamo bisogno per vivere. Invece dell’accesso alla Terra, fornisce tale accesso tramite denaro. Tale accesso non solo pone fine alla povertà. Pone fine anche al furto di potere derivante dalla spoliazione.

Se nessuno può più legalmente impedire il nostro accesso al cibo, l’esistenza è garantita a un livello che solo i ricchi hanno vissuto ed ereditato. Se la razza non esiste sotto forma di una linea tra coloro che hanno più accesso al cibo e quelli con meno, questa è dal punto di vista delle razze una ridistribuzione del potere.

I neri americani non hanno mai avuto quel tipo di potere. Il Reddito Universale è molto più che denaro. Significa il potere di rifiutare di essere subordinato, di rifiutare di lavorare per i razzisti o di comprare dai razzisti. È la capacità di donare ai candidati neri in cerca di un incarico locale e nazionale.

Il Reddito Universale  significa avere il tempo per candidarsi per un incarico o di fare volontariato per aiutare gli altri a candidarsi per un incarico. È la capacità di pagare per difese legali e azioni legali ed evitare di essere incarcerato per mancanza di denaro. È il potere di scioperare, il capitale per avviare e sostenere le imprese di proprietà dei neri e per creare ricchezza.

La giustizia economica richiede il Reddito Universale  perché non è altro che un accesso incondizionato e universale alle risorse, che tratta tutti allo stesso modo. Un pavimento sotto tutti noi, è l’atto di riappropriazione e il ritorno dell’eredità naturale, e quindi il ritorno del potere.

È rompere le catene.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina