Condividi
Airola in Senato: “Ligresti, il sistema-famiglia in gabbia”
(03:28)

Intervento del cittadino Alberto Airola in Senato

“La storia giudiziaria della famiglia Ligresti è iniziata 20 anni fa con l’arresto di Salvatore Ligresti per corruzione. Il patron ovviamente perse la presidenza del gruppo per “mancanza di requisiti di onorabilità” ma rientrò come “presidente onorario“… Indagini su grandi appalti, accuse di falsificazioni di voci di bilancio, una gestione criminosa di holding, fusioni societarie e speculazioni finanziarie. Ieri mattina li hanno arrestati tutti: padre, tre figli e amministratori delegati di Fonsai. L’accusa di reato è di falso in bilancio aggravato e false comunicazioni di mercato. Sulla scia dei fatti milanesi dell’anno scorso riguardanti la Premafin è partita l’indagine su Fonsai dalle denunce di piccoli azionisti. Il problema principale è questo: c’è un sistema “famiglia” che grazie alla complicità e al coinvolgimento di banche e politici, di finanza e della “cecità” dei controllori Isvap e Consob, riesce a distrarre centinaia e centinaia di milioni, facendo fallire le società che amministra (2 miliardi di perdite ma sempre con buone uscite milionarie per gli amministratori). Anche nell’ultimo tentativo di salvataggio voluto da Mediobanca , tramite una fusione tra “grandi debitori“, Fonsai e Unipol, ci hanno rimesso i risparmiatori, gli azionisti che nel 2011 e nel 2012 non hanno ricevuto dividendi , hanno visto perdere il 90% del valore azionario e hanno dovuto subire un’ulteriore esborso per una ricapitalizzazione; senza contare i lavoratori licenziati, quelli che rischiano il posto e ovviamente i gruppi assicurativi che in passato erano considerati grandi eccellenze italiane di contro per la famiglia Ligresti ci sono stati 77 milioni di buonuscita. Molte società intestate alla famiglia sono coinvolte nei lavori dell’Expo 2015. Pretendiamo un rigoroso controllo e la dovuta trasparenza. Chissà perché, noi non ci fidiamo. I cittadini chiedono giustizia per il danno economico e morale. Qualcuno in borsa ha commentato che è più difficile perdere soldi nelle assicurazioni che farne eppure i Ligresti ci sono riusciti. Dirò di più: Alberto Nagel, il direttore di Mediobanca interrogato dagli inquirenti ha detto che Don Salvatore aveva minacciato di suicidarsi se la banca non avesse tenuto fede alle promesse da lui pretese. Sarebbe stato bello se anche in altre casi le banche avessero avuto tale attenzione per tutti i cittadini, forse in questo modo di imprenditori e di lavoratori se ne sarebbero suicidati molti meno.” Alberto Airola, M5S Senato