Condividi

Ieri mi hanno colpito due notizie: Adriano Olivetti e i salari industriali.

Ieri era il compleanno di Adriano Olivetti, un imprenditore che fece anche politica. Ma che imprenditore e che politica.
Provate a confrontare la sua biografia e i suoi successi con quelli degli imprenditori che si sono buttati in politica adesso.

Herald Tribune di ieri ha pubblicato uno studio dell’OCSE sui salari nei paesi industriali. Nel 1975 andavano ai dipendenti il 73 % dei ricavi industriali, nel 2003 il 64%. Da 30 anni la fetta della torta per i dipendenti continua a diminuire, quella per i manager e gli azionisti continua a crescere.

Gli imprenditori veri come Olivetti erano quelli che creavano ricchezza e progresso per sé e per gli altri, mettendo in gioco il loro nome e i loro soldi. Quando facevano cultura e politica era per cercare di migliorare il Paese, non per evitare la galera.

Oggi invece nelle grandi società dominano gli speculatori, gli incompetenti, i campioni del falso in bilancio, dell’evasione fiscale e delle società offshore.

Nel 1956 Adriano Olivetti riduceva l’orario di lavoro a parità di salario. Oggi invece vogliono solo che la gente lavori più in fretta e più a lungo, ma guadagnando meno.

Per saperne di più:
Biografia completa: www.fondazioneadrianolivetti.it
Iniziative di manager: www.managerzen.it/Parliamo/aziende/network.htm