Condividi

“Ciao a tutti amici del blog, in questo video vi parlerò di donazioni ai partiti politici. Nei giorni scorsi Luigi Di Maio mi ha fornito 1.972 pagine, risultato di una sua richiesta, in cui sono descritte tutte le donazioni ai partiti politici. Questi dati sono archiviati presso la Tesoreria della Camera dei deputati e sono a disposizione di tutti i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali, che possono accedere al database previa richiesta. Scartabellando ogni singola carta abbiamo scoperto delle cose molto interessanti. Partiamo dalle cooperative, le cooperative donano ai partiti 3.206.000 Euro, la parte da leone la fa il centro-sinistra DS, PD, Uniti nell’Ulivo che ricevono dalle cooperative 2.459.000 Euro. L’80% dell’investimento delle cooperative va per il centro-sinistra.

Autostrade Spa dona 1.100.000 Euro a tutti i partiti, indistintamente.
9 milioni di Euro di donazioni ai partiti arrivano da aziende che lavorano nell’edilizia, nel cemento, la parte da leone in questo settore la fa la Famiglia Caltagirone che dona personalmente, privatamente o tramite le aziende che fanno riferimento alla Famiglia Caltagirone 2.300.000 all’Udc, l’Unione di centro, forse da domani ribattezzata Unione di Caltagirone.

Abbiamo trovato tantissime donazioni dal 2000 a oggi che arrivavano da parte di Federfarm o Farma industria, totale a poggia su tutti i partiti, indistintamente. Dalla farmaceutica arrivano a pioggia a tutti i partiti 532 mila Euro.

Banca Intesa! C’è una voce meravigliosa nel 2005: 3.133.000 di donazione da parte di Banca Intesa ai DS, rinuncia parziale a credito, a seguito di proposta transattiva, quindi si sono messi d’accordo con questo regalo da parte di Banca Intesa ai DS, questa donazione.

Monte dei Paschi di Siena: il Presidente del Monte dei Paschi di Siena Mussari dona al PD 683 Mila Euro, il Vicepresidente del Monte dei Paschi di Siena Rabizzi dona al PD 125 mila Euro. Il Presidente Capital Service del Monte dei Paschi di Siena Carpinelli dona 176 mila Euro al PD, Piazzi componente della valutazione generale della Fondazione Monte dei Paschi dona al PD 185 mila Euro.

Vasco Errani, ve lo ricordate questo nome, Vasco Errani il 3 volte Presidente della Regione Emilia Romagna, poi decaduto prima della fine del suo terzo mandato perché condannato, riceve 217.600 Euro da cooperative e costruttori, le cooperative sono tutte le più note cooperative emiliane Co. Costruzioni, Co. Panzaloni, Cooperativa Murri, Coop 7, Manutencoop, 217 mila Euro.

L’Italiana Costruzioni Spa, questo è molto curioso, di Roma nella stesso periodo dona 25 mila Euro all’Udc 30 mila Euro agli allora DS, 75 mila Euro al Pdl e 30 mila Euro a La Torre un candidato singolo. La Lega regionale cooperative e mutue della Lombardia dona nel 2009 a Penati, 140 mila Euro, l’anno dopo e ci avvicinavamo alla campagna elettorale di Pisapia nel 2010, al PD di Milano dona 216 mila Euro.

La Lega Nord riceve di donazione 2.388.000 Euro, buona parte arrivano da aziende immobiliari costruttori circa 500 mila Euro, più tante altre donazioni, ricordiamoci sempre che la Lega Nord prende tutti i soldi per i rimborsi elettorali, prende i soldi per finanziare il giornale di casa, la Padania, poi fallito nonostante le donazioni, prende anche tutti quanti soldini.

Riporto solo alcune delle voci che sono sembrate un po’ più interessanti, ma capite anche voi che ci sono 1972 pagine di donazioni e potremmo stare qui 3 giorni, magari faremo una seconda, terza puntata di questo video. Non vi ho nominato Forza Italia, anche se ci sono tantissime donazioni dirette a Forza Italia, anche importanti, aziende che danno 300 mila Euro a botta a Forza Italia, ma non l’ho fatto volutamente perché per esempio tra il 2013 e il 2014 c’è un certo Berlusconi Silvio che dona 61.517.775 Euro a Forza Italia.

Conclusioni: queste donazioni sono tutte assolutamente a norma, è tutto registrato, trasparente, non c’è niente di illegale, quello che è chiaro però e che è evidente è che in questi 15 anni in Italia, in tutto il paese, in tutte le regioni del nostro paese si è cementificato molto, si sono costruite molte strade, si è consumato tantissimo territorio, si sono fatte grandi opere spesso inutili, autostrade, strade spesso inutili e poi sott’utilizzate. Con le case farmaceutiche la politica ha avuto un rapporto stretto, importante, con le banche abbiamo visto che i vari governi che si sono succeduti soprattutto negli ultimi anni hanno fatto favori importanti alle banche, allora non voglio dire che tutte queste donazioni abbiano influenzato la politica e i partiti a tal punto da non renderli liberi e obbligarli a fare alcune scelte, non voglio dirlo, ma se fra di voi ci fosse qualcuno un po’ più malizioso di me, credo che sarebbe legittimato a pensarlo.”