I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]

Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Perché dico NO

  • 74

New Twitter Gallery

giancade.jpg

di Giancarlo Del Monaco*

Perché dico NO? Perché il termine ‘rottamazione’ di cui è stato fatto ultimamente largo uso e abuso, offende la dignità degli esseri umani tradendo la cultura dei popoli che hanno contribuito a creare la nostra civiltà, primi tra tutti i Greci e i Romani, dai quali l’esperienza delle generazioni passate era considerata un tesoro prezioso. Perché questo terribile termine evoca i fantasmi di dittature che hanno insanguinato il secolo passato: per Hitler e Stalin, come per tanti dittatori che ancora oggi calpestano i più elementari diritti umani, gli uomini erano ‘cose’ ai quali era negata ogni forma di libertà e di rispetto e che potevano per questo essere ‘rottamati’ come un vecchio camion, una vecchia automobile o un qualsiasi soggetto ritenuto stoltamente inutile.
Perché chi rinnega il proprio passato e le proprie radici diventa debole; perché i popoli ai quali è strappata la loro storia, disorientati e impoveriti, rischiano una tragica e pericolosa deriva, piegati alle astute trame di oligarchie perverse delle quali i leader ‘rottamatori’ sono strumenti funzionali.
Perché con la politica del terrore (alla quale Inglesi e Americani non si sono piegati), in nome di una presunta efficienza, si nasconde il vero scopo, che è quello di realizzare il più rapidamente possibile il programma delle élites autoritarie spogliando ancor più l’Italia non solo delle sue ricchezze e della sua cultura ma anche della sua anima e del suo futuro.
Per questo io, Giancarlo Del Monaco, dico NO e ho voluto che questo fosse ribadito con forza attraverso la voce di mio padre MARIO DEL MONACO, grande artista e uomo libero, in difesa della libertà, della democrazia rappresentativa, dei più nobili valori, della più alta cultura e della dignità umana.

*regista



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

3 Dic 2016, 10:40 | Scrivi | Commenti (74) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

Tags: giancarlo del monaco, iodicono, no, referendum, regista



#IoDicoNo Gran finale a Torino

  • 115

tori_no.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Siamo in piazza San Carlo, a Torino, per chiudere la campagna referendaria. È un momento importantissimo per dire NO a questa riforma che ci toglie un diritto, quello di votare il Senato, e dà un altro privilegio ai partiti: l'immunità parlamentare.

 
(continua...)

2 Dic 2016, 17:13 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (115)
Twitter Gallery

La scheda di Renzi non è un facsimile, è un falso

  • 70

renzifacsim.jpg

di Luigi Di Maio



Ieri Renzi in TV a Otto e mezzo è stato (finalmente) incalzato da una giornalista sulla questione della scheda falsa denunciata ieri da questo blog. Il premier è rimasto senza parole, ha balbettato per un po' e poi, come un bimbo che non sa cosa dire, l'ha sparata grossa: "La scheda che ho mostrato è un facsimile". Ancora bugie davanti agli italiani. Quella scheda non é un facsimile. Un facsimile è per definizione è la riproduzione di un documento ufficiale, originale e esistente. Come riporta la definizione Treccani è la "copia esatta di scritto, stampato, disegno, oggetto, ottenuta mediante riproduzione fotografica o con altre tecniche: il f. d’un manoscritto, d’un documento".

 
(continua...)

2 Dic 2016, 13:47 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (70)
Twitter Gallery

Con la Riforma il Presidente della Repubblica diventa ostaggio dei partiti

  • 42

giansakajds.jpg

di Aldo Giannuli



Abbiamo lasciato intatto il peso costituzionale del Presidente della Repubblica: FALSO.

Affermazione non falsa ma falsissima, e basti pensare a due momenti particolari: l'elezione del Presidente e la sua messa in stato d'accusa. Per l'elezione l'attuale normativa prevista dalla riforma prevede che il Presidente possa essere eletto con una maggioranza del 60%. Il che, considerati i 730 componenti dell'Assemblea cioè 630 deputati + 100 senatori, significa 430 voti. Ora l'attuale legge elettorale, l'Italicum, già assegna al partito di maggioranza la bellezza di 340 seggi.

 
(continua...)

2 Dic 2016, 10:05 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (42)
Twitter Gallery

Di Maio vs Renzi: il confronto che non vedrete mai in TV #iodicono

  • 149

falsari.jpg

Renzi si è finora sottratto al confronto pubblico con i portavoce del MoVimento 5 Stelle. E' comprensibile, ha paura perchè le sue balle non durerebbero un attimo davanti a un contradditorio informato sulla riforma costituzionale. In questo video c'è un confronto virtuale tra Luigi Di Maio e Renzi. Se il premier invece vuole un confronto diretto lo aspettiamo domani da Mentana su La7, ci sarà sempre Luigi ad aspettarlo. Renzi scapperà ancora?

 
(continua...)

1 Dic 2016, 17:57 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (149)

La banda dei calamari #QuellaSchedaNonEsiste

  • 106

falsari.jpg

immagine di Marione

di Beppe Grillo

La Banda degli onesti è uno dei film comici più spassosi di sempre. Tre compari, interpretati da Totò, Peppino e Giacomo Furia, costituiscono una banda di falsari che stampa banconote da diecimila lire. Tra una gag e l'altra vengono scoperti, si pentono e alla fine bruciano tutto. Una commedia irresistibile, nella realtà però i falsari non sono così. Sono più subdoli e meno simpatici. Prendiamo l'Italia oggi a 3 giorni dal referendum. De Luca, Renzi e Verdini formano la Banda dei calamari, dalle famose fritture per convincere a votare Sì auspicate da De Luca. Renzi, il capo, vuole vincere il referendum a tutti i costi e ha capito che agli italiani non va giù il non poter più votare i senatori: perchè dovrei votare per dimezzare il mio diritto di voto?

 
(continua...)

1 Dic 2016, 13:00 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (106)

Tutti a Torino! #IoDicoNo

  • 46

tuttiator.jpg

Domani, venerdì 2 dicembre alle 17 piazza San Carlo a Torino: è la fine del treno tour per dire no alla riforma costituzionale. Abbiamo fatto 47 tappe, abbiamo girato l'Italia in lungo e in largo, veramente vi abbiamo incontrati, siamo stati nelle piazze, e questi sono i giorni finali e sono i più importanti.

 
(continua...)

1 Dic 2016, 10:12 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (46)
Twitter Gallery

Il Senato non sarà eletto dai cittadini: è scritto nella riforma #RenziBugiardo

  • 233

bufalareppd.jpg


di MoVimento 5 Stelle

Renzi in prima pagina oggi su La Repubblica: "Il Senato continuerà a essere eletto dai cittadini". Mente in maniera spudorata e il giornale ci fa il titolo riportando il suo virgolettato senza commento. La Pravda era più imparziale. Ma stiamo nel merito e prendiamo il testo della riforma costituzionale che Renzi vuole far approvare agli italiani:
Articolo 57 comma 2:
I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano eleggono, con metodo proporzionale, i senatori tra i propri componenti e, nella misura di uno per ciascuno, tra i sindaci dei Comuni dei rispettivi territori.

 
(continua...)

30 Nov 2016, 13:54 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (233)

Venerdi 2 dicembre tutti a Torino - #IoDicoNo

  • 53

dudictor.jpg

di Luigi Di Maio



Venerdì 2 dicembre in piazza San Carlo a Torino alle 17 con Beppe Grillo, tutti i portavoce del Movimento 5 Stelle e gli attivisti ci vedremo per chiudere la campagna referendaria. È un momento importantissimo, ci saranno tanti artisti come Cristiano De André e tanti altri che vorranno testimoniare il loro NO a questa riforma che ci toglie un diritto, quello di votare il Senato, e gli da un altro privilegio: l'immunità parlamentare.

 
(continua...)

30 Nov 2016, 10:06 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (53)
Twitter Gallery

Se Schäuble dice sì, #IODICONO

  • 155

schaublesi.jpg

di MoVimento 5 Stelle Europa

Dopo Angela Merkel, Barack Obama, la JP Morgan e il commissario europeo Pierre Moscovici, oggi un altro "megaburocrate" dice di augurarsi la vittoria del "sì" al referendum: Wolfgang Schäuble. Un personaggio inquietante che è stato definito ayatollah dell'austerità, Nuovo Führer, Cancelliere-ombra, salvatore dell'Euro. Schäuble è un uomo particolare: ogni volta che parla, qualche risparmiatore perde i suoi soldi.

 
(continua...)

29 Nov 2016, 18:30 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (155)
Twitter Gallery

Il 2 dicembre tutti a Torino per dire NO #iodicono

  • 54

iodiconotorino.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Difendiamo la Costituzione. Il 2 dicembre siete tutti invitati a Torino dove si concluderà il #TreNoTour, l'evento finale della campagna del Movimento 5 stelle #IoDicoNo per votare NO al prossimo referendum costituzionale. Ci troveremo tutti insieme in Piazza San Carlo, a partire dalle ore 17 per difendere i nostri diritti.

 
(continua...)

29 Nov 2016, 15:06 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (54)

A Roma si cambia davvero. Ecco la nuova raccolta differenziata

  • 54

raggiromaro.jpg



di Virginia Raggi



Abbiamo avviato un nuovo corso e una nuova stagione per Ama che segna una netta discontinuità con il passato. Una svolta per Roma che si fonda su tre assi: ripristino del servizio di ritiro a domicilio per gli ingombranti che partirà il primo dicembre con un numero telefonico dedicato; progettazione di nuove isole ecologiche, collocate perlopiù in periferia e in quei quartieri che ne erano sprovvisti; un piano articolato per garantire, nell’arco di un anno, lo sviluppo a 360 gradi della raccolta differenziata presso le utenze non domestiche (ristoranti, bar, negozi).

 
(continua...)

29 Nov 2016, 12:36 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (54)
Twitter Gallery

La globalizzazione e la bugia sulla riforma di Renzi - #IoDicoNo

  • 28

giannele.jpg

di Aldo Giannuli

"La riforma è necessaria perché le impone la globalizzazione": FALSO.
Quando iniziò la globalizzazione neoliberista nei primissimi anni 90, si diffuse questa idea che la globalizzazione imponga decisioni rapide, efficaci, che debbano essere assunte in tempi brevi, quindi saltando la discussione.

E infatti uno degli aspetti centrali del sistema di decisioni internazionali fu la presenza di conferenze, come il G7, G8, G20 che avrebbero dovuto assicurare la collaborazione di singoli Stati a livello di governi. I vari G8, G20 ecc sono incontri di capi di governo, che quindi si immagina possano decidere senza troppi impicci parlamentari, e questo avrebbe consentito al mondo globale di funzionare in modo efficace.

 
(continua...)

29 Nov 2016, 10:26 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa | Commenti (28)
Twitter Gallery

Tutti i post del mese di Dicembre 2016