Condividi

Ci sono milioni di automobilisti pronti a partire per il weekend, milioni di persone che saranno spinte a chiudere i finestrini e accendere l’aria condizionata mentre si trovano negli ingorghi.

Chi non ama l’aria fresca, specialmente durante i caldi estivi, con l’asfalto che brucia?

Ma ecco il dato negativo. Le ultime ricerche dell’Università del Surrey hanno dimostrato che i sistemi di condizionamento delle vetture, mentre si è negli ingorghi stradali, espone notevolmente di più ai fumi tossici.

Ben il il76% in più.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha posto l’inquinamento atmosferico all’aperto tra i primi dieci rischi per la salute affrontati dall’uomo, collegando ad esso ben 7 milioni di morti premature ogni anno.

La ricerca ha dimostrato che negli ingorghi, o ai semafori rossi con altri veicoli fermi davanti, se abbiamo i finestrini chiusi e l’aria condizionata accesa, siamo sotto posti a fumi tossici. Aria inquinata che arriva direttamente dalle altre macchine fino ai nostri polmoni.

Perché succede? Nel traffico, negli ingorghi o al semaforo, l’aria intorno al veicolo è molto più inquinata rispetto all’aria all’interno dell’auto. L’accensione del ventilatore aspira l’aria sporca dall’esterno verso l’interno del veicolo provocando un accumulo di inquinanti nell’automobile.

Nel traffico, queste emissioni richiedono più tempo per disperdersi, soprattutto nelle aree edificate e finiscono per accumularsi nell’aria.

L’autore senior della ricerca, il dott. Prashant Kumar dell’Università del Surrey, ha dichiarato: “Ove possibile e con le condizioni meteorologiche che lo consentono, uno dei modi migliori per limitare l’esposizione è tenere i finestrini chiusi, i ventilatori spenti e per provare ad aumentare il distanza tra te e la macchina davanti. Se proprio non è possibile stare senza aria condizionata, la ventola dovrebbe prendere l’aria dall’interno. Ogni auto ha questa opzione, ma nessuno la utilizza. Serve a far ricircolare l’aria all’interno dell’auto senza attingere aria dall’esterno. “

A Londra, l’OMS ha rilevato che l’inquinamento atmosferico uccide 10 volte più persone degli incidenti stradali. Con circa 3,7 milioni di morti premature nel 2012. Il problema dell’inquinamento atmosferico è diffuso anche in Europa dove oltre 400.000 decessi prematuri sono stati attribuiti al particolato fine solo nel 2012.

E la situazione non è molto diversa in altre parti del mondo, compresi gli Stati Uniti dove l’esposizione al particolato è l’ottava causa di morte ogni anno.

L’anno scorso, un gruppo di ricercatori guidati dal dott. Prashant Kumar dell’Università della Surrey ha mostrato che i conducenti bloccati ai semafori sono stati esposti a 29 volte di più alle particelle inquinanti nocive.

Ma c’è ancora qualcosa da dire.

Le stesse condizioni si trovano non solo d’estate, ma anche d’inverno, dove i sistemi di ariazione delle macchine sono impegnati a riscaldarci. In questi casi c’è lo stesso problema. Quindi attenzione.

Ed inoltre lo stesso vale per i pedoni quando si trovano in prossimità dei semafori, negli ingorghi. Soprattutto nelle grandi città.

Queste sono piccolissime accortezze che possono al meno migliorare le condizioni di ognuno di noi.