Condividi

Il Blog ha intervistato Alessandro Appari.

“A 18 anni mi hanno diagnosticato un tumore osseo alla gamba destra, quindi me l’hanno amputata. Dopo 2 anni di inattività ho cominciato a lavorare percepivo una pensione di invalidità civile, 250 mila lire al mese. Dopo un anno e mezzo la pensione mi è stata tolta perché avevo un reddito superiore ai 4.000 euro lordi l’anno. Mi sono un po’ alterato non ho più pagato l’inps per 15 anni. Dopo varie sollecitazioni ho dovuto pagare altrimenti mi pignoravano un pezzo di appartamento in cui vivo con mia madre. Pagai 15 anni di arretrati pari a 27 mila euro. Ma la cosa buffa che non trovo assolutamente giusta è che questa protesi me la son dovuta pagare, perché l’usl mi passa 3 mila euro ogni 4 anni, però mi passa la protesi paragonabile ad una macchina base. Se voglio cose in più che mi fanno camminare meglio devo pagare. Alla fine questa protesi mi è costata 22 milioni di lire. Ora lavoro al distributore di benzina di Portofino per le barche ma è un lavoro stagionale di 6 mesi l’anno, gli altri 6 mesi non ho entrate, a parte che sto quasi tutto il giorno in piedi, anche con problemi alla schiena, però poi nella realtà non mi aiutano proprio perchè ogni volta che devo fare qualcosa c’è sempre questo problema della protesi, la patente nautica, del motorino, quindi ora per fare quesa protesi non so cosa farò, costa 30 mila euro, non sono noccioline la mutua passa solo 3 mila euro ogni 4 anni, perché io sono invalido civile, se fossi invalido sul lavoro non tirerei fuori niente potrei fare una protesi ogni anno delle migliori. Io invalido civile non ho i diritti degli invalidi sul lavoro ma alla fine siamo sempre nella stessa situazione, la gamba l’abbiamo persa comunque.. perché un invalido sul lavoro, pagando l’inps e soprattutto l’Inail ha la copertura .. mi è successo a 17 anni non lavoravo, non ero in regola..io la pensione non la vorrei neanche perché poi sarebbero 250 euro al mese, forse perché ci sarà una legge che dice che gli invalidi rimangono tali se uno vuole una protesi all’avanguardia se la deve pagare, io vorrei che mi venissero incontro sulla protesi oppure con sgravi fiscali per la mia attività. Ripeto: lavoro 6 mesi l’anno la pensione non mi interessa più di tanto sinceramente vorrei essere aiutato un po’ più con la protesi.”

Diffondi l’iniziativa


Clicca l’immagine

Scarica "La Settimana" N°23-vol4
del 08 giugno 2008