Condividi

“La moneta unica è un fallimento totale, questo è sotto gli occhi di tutti. Lo dicono i maggiori economisti indipendenti e 15 anni di dati economici. L’euro esaspera le divergenze tra la Germania e tutti gli altri, e gli Stati mediterranei, Italia compresa, vengono stritolati da una moneta troppo forte. Ma soprattutto, euro significa dare potere di decisione in materia monetaria e fiscale ad organismi che sono più potenti dei governi nazionali , organismi privati che per questo difendono gli interessi finanziari, invece che l’interesse dei popoli.

La Banca Centrale Europea, – una banca privata – il Fondo Monetario Internazionale e la Commissione Europea sono totalmente autonomi nelle loro decisioni e non sono vincolati alla volontà dei popoli, ma rispondono sostanzialmente ai Paesi più forti. Per questi motivi non ci stupiamo se le vie dell’euro e dei tagli a Scuola, Sanità, Pensioni, Enti Locali coincidono perfettamente. Per questo il M5S si è attivato per consentire ai cittadini di esprimersi democraticamente sulla moneta unica. 6 mesi di raccolta firme hanno permesso di depositare in Parlamento una legge di iniziativa popolare per cambiare temporaneamente la Costituzione e indire un Referendum di Indirizzo sull’euro. La scelta sulla moneta nazionale spetta ai cittadini italiani, a cui nessuno ha mai chiesto cosa ne pensassero dell’entrata in vigore dell’euro. Cittadini che nessuno ha mai informato delle vere conseguenze di questa scelta calata dall’alto. Il M5S si batterà in Parlamento perché la proposta di legge di iniziativa popolare venga discussa e approvata al più presto. Famiglie e imprese italiane non possono più attendere, anche perché al volgere della fortunata congiuntura economica internazionale le bugie del Governo Renzi riporteranno l’Italia nella recessione e nell’austerità.
Ti invitiamo a conoscere la nostra idea di economia e di Paese a Imola il 17-18 ottobre all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Siamo l’unica forza politica che rifiuta il finanziamento pubblico e quindi ti chiediamo di contribuire con una donazione per sostenere Italia a 5 Stelle. L’Italia che vogliamo fa scegliere ai cittadini quale moneta conviene di più. L’Italia che vogliamo è un’Italia a 5 stelle”.
Vito Crimi