Condividi

“Non v’è traccia neanche nell’ultimo dei regolamenti parlamentari o nella Costituzione che un ministro possa fare appello al suo onore. Eppure pur di non rispondere ai quesiti dei parlamentari del M5S il ministro di Giustizia Cancellieri ieri alla Camera ha tirato in ballo il suo onore. Cosa c’entra l’onore con la richiesta di avere il bilancio del piano carceri del governo, ad oggi mai pubblicato? Cosa c’entra l’onore con le condizioni miserrime in cui versano le carceri dopo uno stanziamento di 675 milioni di euro fino al 2011 che hanno prodotto zero nuovi posti? Cosa c’entra l’onore con la richiesta di conoscere se e quando alcune carceri verranno vendute o permutate? Domande a cui il ministro non ha risposto di fronte al Parlamento invitando i deputati M5S ad un incontro privato. Ennesima prova di come si svuota il Parlamento. Che il ministro usi parole di verità, invece di chiedere un atto di fede. E’ su quelle parole che il Parlamento e i cittadini verificheranno l’onore del Ministro.” M5S Camera