Condividi

In mancanza di buone notizie, il blog fa da sé. La buona notizia siete voi. Siete meravigliosi. Vorrei baciarvi tutti, ma non posso. Prendete una mia foto e baciatevi da soli. L’appello per Ida e Kristal di Caselle Torinese, della mamma senza lavoro e della bambina bisognosa di cure ha superato i 90.000 euro con un solo post. A Ida manca ancora un lavoro che sia vicino alla scuola e ai medici che hanno in cura Kristal a Caselle. Sono certo che il blog provvederà. Imprenditori di Caselle e dintorni: “Su la testa!”. Nell’intervista Ida spiega che il comune dà la precedenza per un lavoro agli ex tossicodipendenti e a chi ha avuto problemi con la legge. Proprio come in Parlamento. Propongo un gemellaggio.
Se Ida era cocainomane e rapinatrice di banche era già assunta a tempo indeterminato, forse anche parlamentare. La legge 104 non la tutela, nessuna azienda la assume per non avere come dipendente una madre con una figlia con gravi problemi motori. Ida ha scritto a tutti. Nessuno, tranne il blog, le ha risposto. I politici, la presidenza della Repubblica, il sindaco di Torino, il sindaco di Caselle Torinese. Tutta gente che prende lo stipendio per risolvere i problemi dei cittadini, a partire dai più deboli. Silenzio e stipendio pubblico. Silenzio e stipendio pubblico.
Grazie, grazie a tutti, in particolare a Kristal, una donna in un corpo di bambina, come l’hanno definita i suoi dottori.

Leggi il testo dell’intervista.

Chi vuole offrire un lavoro a Ida lasci i suoi riferimenti in un commento a questo post.

Chi vuole contribuire con una donazione lo può fare con:

Causale: Ida e Kristal
Conto bancario intestato a Beppe Grillo
ABI 05018
CAB 12100
c/c 116276
Swift: CCRTIT2T84A
Iban: IT35B0501812100000000116276
CIN B
BANCA POPOLARE ETICA

Diffondi la Petizione: Copia e incolla il codice
Condividi
Articolo precedenteGli aquiloni
Prossimo articolo“Damien” Damiano