Condividi

In Turchia gli organi che fanno informazione indipendente vengono sgominati dalla polizia e costretti a fare propaganda filogovernativa. In Italia non ce n’è bisogno: al Tg1 non è mai saltato in mente di fare informazione indipendente. Censurano il M5S e incensano il governo. La propaganda alla turca di Orfeo, che in video non ha neppure il coraggio di comparire, in attesa di essere confermato alla direzione del telegiornale è ogni giorno più squallida e subdola. Orfeo peggio di Minzolini, almeno lui ci metteva la faccia.

di M5S Parlamento

“Una vera e propria opera di censura, quella di cui si è reso protagonista il Tg1 diretto da Mario Orfeo che ha rifiutato ieri sera di mandare in onda la dichiarazione di Luigi Di Maio. Stessa dichiarazione invece messa in onda dal Tg2. Orfeo il Censore decide di far parlare gli esponenti del Pd senza neanche far loro le domande, come successo proprio questo giovedì con Debora Serracchiani o nei giorni precedenti con Rosato, capogruppo Pd alla Camera, che parlando di brogli alle primarie Pd di Napoli ha attaccato il M5S senza nemmeno venisse concesso il diritto di replica. Quando invece Luigi Di Maio interviene a commentare il caso dei seggi a pagamento su cui abbiamo chiesto un intervento dei presidenti delle Camere cala la mannaia della censura. Nonostante il fatto che persino la Boldrini abbia risposto ieri dicendo che valuterà la richiesta del movimento 5 stelle, Orfeo preferisce far passare la notizia sotto silenzio.
Perché il Tg1 mette la museruola al MoVimento 5 Stelle? Perché Mario Orfeo vuole restare attaccato alla propria poltrona. Restare il direttore del telegiornale della rete ammiraglia, e quale migliore favore al padre-padrone Renzi che bastonare il M5S senza dargli spazio per replicare?

Ps: L’Italia è al 73° posto nel mondo per libertà di stampa

VIDEO Sibilia M5S parla delle banche e la RAI lo censura