Condividi

Boccia, il pdmenoellino marito della ministro pdellina De Girolamo, quello degli F35 elicotteri per gli incendi, ha proposto una nuova tassa: la Google Tax

“La “Google Tax” sarebbe semplicemente illegale all’interno dell’Unione Europea. Il problema di fondo è che i vari politici sono sempre più arrabbiati con aziende come Google, Apple, Facebook e simili perché pagano le loro tasse in un solo Paese UE. Questo priva, così dicono, gli altri Paesi della loro giusta quota di entrate fiscali derivanti dagli utili su tali vendite. Quello che non capiscono è che la pietra angolare dell’Unione europea al commercio è il mercato unico, e quindi un’azienda deve essere in grado di vendere oltre quei confini internazionali. Il Partito Democratico, ha proposto una normativa che costringe Google, Facebook e altri giganti a pagare le tasse locali sulle loro entrate italiane, anzichè in Paesi con pressione fiscale inferiore come Irlanda e Lussemburgo. Sponsor della legislazione Francesco Boccia. E’ un approccio del tutto illegale. L’Unione europea si è basata sull’idea molto che ci deve essere la libera circolazione di merci, servizi, persone e capitali, nonché la libertà di stabilimento . E’ il fondamento del Trattato di Roma del 1957, il trattato che istituisce: “l’ eliminazione fra gli Stati membri, degli ostacoli alla libera circolazione delle persone, dei servizi e del capitale.” Questi politici sono davvero così ignoranti che non capiscono il sistema che loro stessi hanno costruito? O invece stanno solo sponsorizzando idee illegali per guadagno politico immediato?” Tim Worstall, per Forbes

Altri articoli sul tema:
Google Tax, critiche alla tassa made in Italy
Una Internet tax contro l’Europa e contro il futuro
Legge di Stabilità, il Pd vuole la Google tax