Condividi

“Il Consiglio regionale ha approvato il progetto di legge numero 124, fortemente voluto da Lega, Forza Italia e NCD, che consente l’uso dei boschi per gare motociclistiche e permette il taglio, di fatto, di boschi in pianura senza obbligo di compensazioni ambientali. Questa è la sensibilità ambientale della Lega, di Forza Italia e di NCD. Sono partiti con il pollice nero e questo provvedimento assurdo consentirà manifestazioni che danneggeranno i boschi con il passaggio delle moto respingendo il turismo responsabile degli escursionisti che ogni estate frequentano i sentieri di montagna. E’ una legge che favorisce pochi motociclisti, contro l’interesse di migliaia di lombardi, e che incentiva il consumo di suolo. Mentre un tavolo regionale di lavoro discute di contenere il consumo di suolo si permette, con un articolo scritto ad hoc nella legge, di deforestare la pianura dove si sono create oasi di verde. Quella approvata è una legge orribile per l’ambiente e non consentirà un reale recupero agronomico perché non offre strumenti reali agli agricoltori e che respingerà il turismo in montagna. Il pollice nero della maggioranza ci porta indietro di anni nelle politiche di tutela dell’ambiente e del territorio.” Giampietro Maccabiani, consigliere regionale M5S Lombardia