Condividi

Ombre mafiose nella campagna elettorale del PD di Enna.
Il nel Comune di Agira (Enna) è stato seguito non solo da semplici cittadini ma anche da osservatori molto “qualificati“.

“Nel balcone accanto al palco ad Agira, infatti, erano presenti Mirello Crisafulli (candidato sindaco di Enna del Pd e intercettato nel 2008 dai Carabinieri mentre in un albergo di Enna discuteva di appalti con un capo mafia), l’eurodeputata del Pd Michela Giuffrida e il candidato sindaco del Pd deputato Maria Greco. Accanto a loro, infatti, sullo stesso balcone, era platealmente visibile il Sig. Giuseppe Giannetto (tesserato del Pd) arrestato nel 2005 mentre cenava in un casolare di campagna e discuteva di affari con il boss Giuseppe Di Fazio, reggente della famiglia mafiosa Santapaola, inserito nell’elenco dei 30 più pericolosi latitanti di mafia e condannato all’ergastolo per l’omicidio dell’ispettore di Polizia Lizio.

VIDEO Gli osservatori molto “qualificati” al comizio del M5S

FOTO indicato dalla freccia Giuseppe Giannetto, arrestato nel 2005 con il boss Di Fazio

Crisafulli, dobbiamo ricordarlo, come si può vedere nel video, era stato intercettato dai Carabinieri mentre in un albergo di Enna discuteva di appalti con il Capo mafia della provincia di Enna Bevilacqua.
Secondo il Senatore Mario Giarrusso del M5S questi sarebbero elementi che inducono a ritenere come la campagna elettorale nella provincia di Enna sia seriamente inquinata e compromessa dalla mafia e per questo motivo chiede al premier, nella duplice veste di presidente del Consiglio e di segretario del Pd, di intervenire immediatamente ritirando le candidature del Pd sia ad Enna che ad Agira, nonché facendo intervenire tutte le autorità preposte al fine di garantire un corretto, sereno e non inquinato svolgimento della campagna elettorale.
E’ inammissibile e intollerabile che nel 2015 sia ancora possibile esibire in maniera così plateale comportamenti e soggetti denotanti contiguità con gli ambienti mafiosi, per di più in una campagna elettorale.
Ps: il colmo del paradosso Piddino è che la giornalista che ha firmato il pezzo di Repubblica sull’arresto del boss Di Fazio e del Giannetto è la stessa Michela Giuffrida eurodeputato del PD presente, oltre che in piazza, sullo stesso balcone insieme a Crisafulli e Giannetto.” Mario Giarrusso, M5S Senato