Condividi
Photo Di Shutterstock

La grande maggioranza delle aziende mondiali non segnala il rischio di deforestazione nelle proprie catene di approvvigionamento, nonostante molte delle loro attività commerciali siano una grave minaccia per la sopravvivenza delle foreste del mondo.

Questa è la netta conclusione di un nuovo rapporto pubblicato da CDP, che rivela che il 70% delle 1.500 società contattate non ha fornito dati a riguardo.

Anche se alcune aziende, come il gigante della bellezza L’Oreal e la tedesca Beiersdorf AG, vantano politiche di approvvigionamento ambiziose, in particolare per quanto riguarda l’olio di palma, la CDP ha avvertito che la stragrande maggioranza delle aziende che rappresentano una minaccia per le foreste non riesce a soddisfare anche la trasparenza dei requisiti di base.

Solo 306 aziende delle 1.500 contattate hanno comunicato i propri report.

“Il silenzio è assordante quando si tratta della risposta aziendale alla deforestazione”, ha dichiarato Morgan Gillespy, direttore globale CDP. “Per troppo tempo le aziende hanno ignorato l’impatto delle loro catene di approvvigionamento sulle foreste del mondo e non hanno preso sul serio i rischi che questo comporta – sia per il loro business che per il mondo”.

Secondo il WWF, la Terra perde 18,7 milioni di acri di foreste all’anno – pari a 27 campi da calcio al minuto. Oltre a fornire habitat per innumerevoli piante e animali in via di estinzione, le foreste svolgono un ruolo cruciale nella lotta contro il cambiamento climatico, agendo come carbon fossili che assorbono le emissioni di gas serra dall’atmosfera.

Persino le aziende che hanno riferito a CDP non stanno adottando azioni abbastanza dure per risolvere il problema della deforestazione, ha detto l’organizzazione. Un quarto delle imprese non intraprende azioni, mentre più di un terzo non sta ancora lavorando con i propri fornitori sulla questione. CDP ha avvertito che l’approccio adottato da molte aziende rivela un “gap critico”, poiché la deforestazione è “quasi sempre” una questione di filiera.

Inoltre, la stragrande maggioranza delle aziende con obiettivi di deforestazione in atto ha solo obiettivi fino al 2020, con solo il 14% che si estende oltre tale data.

Ma Gillespy ha predetto che le imprese saranno sottoposte a crescenti pressioni da parte dei loro clienti e investitori per dimostrare che le loro catene di approvvigionamento non stanno danneggiando le foreste o la loro fauna selvatica.

“Le aziende ci stanno già dicendo che il rischio reputazionale è il rischio maggiore che vedono dalla deforestazione e questo rischia di diventare sempre più importante man mano che le tendenze dei consumi sostenibili continuano e il mercato cambia”.