Condividi
Videocracy
(2:12)

L’evento della Perdonanza all’Aquila sarà celebrato quest’anno in onore di Accappatoio Selvaggio, del suo ritorno in seno a Santa Madre Chiesa. La Perdonanza si tiene ogni 28 e 29 agosto in ricordo dell’elezione a papa nel 1294 di Celestino V , che concesse l’indulgenza plenaria a tutti i confessati che avessero visitato la Basilica di Collemaggio.
L’indulgenza celestiniana sarà estesa allo psiconano durante la cena della Perdonanza. L’assoluzione da ogni peccato sarà opera del cardinal Bertone in persona con l’assistenza del vescovo dell’Aquila, Giuseppe Molinari, e degli undici vescovi dell’Abruzzo e del Molise. Bertone impartirà l’indulgenza plenaria all’utilizzatore finale sotto gli occhioni attenti del ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna, mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta e il ministro per l’Attuazione del Programma Gianfranco Rotondi assisteranno commossi. I terremotati aquilani non sono stati invitati dall’arcidiocesi, ma a loro sarà riservato un minuto di raccoglimento dopo l’aperitivo.
Prima del rito serale del Perdono, la giornata verrà consacrata dal corteo della Bolla, formato da duecento figuranti del PDL, diretto alla Basilica di Santa Maria di Collemaggio che ospita i resti mortali di Celestino V. Alla testa della processione sono attese la Carfagna nel ruolo della Dama della Bolla, insieme alle ancelle ministre Gelmini e Brambilla. Nel ruolo di Maria Maddalena, in veste ufficiosa, sarà presente Patrizia D’Addario insieme a molte utilizzate finali. Nelle vesti del Giovin Signore con in mano il tradizionale ramo d’ulivo è atteso Topo Gigio Veltroni che ha dato la sua adesione nonostante i numerosi impegni contro la mafia e il conflitto di interessi.
Al termine della cena lo psiconano farà dono alla comunità dell’Aquila del lettone di Putin che, dopo essere stato asperso con acqua benedetta, sarà ribattezzato: “Lettone di Papi” e posto in pubblica piazza. Chiunque dopo averlo usato per pratiche adultere, contro natura, illecite o proibite dall’insegnamento cattolico potrà, in cambio di una legge sul testamento biologico, dell’otto per mille alla Chiesa, dei finanziamenti alle scuole cattoliche, del non riconoscimento delle coppie di fatto, del mantenimento del Concordato e dei Patti Lateranensi, dell’abolizione dell’aborto, ottenere l’indulgenza celestiniana e continuare a fare il porco. Ora pro nobis. Amen.

ULTIM’ORA: La Curia aquilana e l’arcivescovo Molinari hanno annullato la cena della Perdonanza. Padre Ciro Benedettini, della sala stampa vaticana, ha dichiarato che:”Si e’ preferito cancellare la cena e devolverne il costo a beneficio dei terremotati”. Forse il Papa ha letto il post…