Condividi

Questa è la poesia che stamattina pubblica il giornale di Carlo De Benedetti, La Repubblica:

“C’era ‘na vorta, quarche tempo addietro,
n’anziano comico ch’ha fatto li mijardi.
Nun sto’ a parlà de quer pupazzo sfatto
che mo’ s’aggira con lo sguardo tetro
e cià ridotto come don Falcuccio.
Me riferisco invece all’artro ciuccio,
er comico fallito de Bibbona.
Che a corto de battute origginali
(lui quelle bbone le fregava all’artri)
dovennose comprà nà villa a Bali,
jè venne ‘na penzata un po’ cojona.
Se disse a un certo punto, “sai che c’è?
visto che faccio piagne come artista,
ma ciò l’impostazione dell’attore,
quasi quasi me butto nella mischia.
hai visto mai, ne sorto dittatore?
Sì c’è riuscito quell’artro mestatore,
cosa me manca pè cojonalli anch’io?
Pè l’italiani sarebbe un privileggio
de fasse carpestà dar genio mio,
come me dice sempre Casaleggio,
che più che il mio impresario è proprio dio”.
Laura Pellegrini (ellekappa) – LaRepubblica