Condividi

La prima comunità del mondo stampata in 3D è ufficialmente realtà: le prime due case sono state già costruite in Messico. Ne avevamo parlato tempo fa in questo articolo.

Le case sono state sviluppate e stampate in circa 24 ore da ICON e ÉCHALE, partner di NEW STORY, la fondazione senza scopo di lucro che ha voluto donare rifugio alle famiglie locali che vivono in condizioni di estrema povertà.

La comunità di case stampate in 3D conterrà 50 case in totale, di 50mq l’una. Saranno composte da 2 camere da letto, un soggiorno, una cucina e un bagno. Tutti i progetti sono stati realizzati con i feedback delle famiglie che vivranno in esse, per soddisfare le esigenze specifiche della comunità.

“Penso che sia importante ricordare ciò che rende diverso questo progetto, ciò che lo rende importante”, ha dichiarato Alexandria Lafci, COO di New Story. “Non siamo qui per realizzare profitti. Queste case sono per persone reali, con bisogni reali, e tutto ciò che facciamo è per loro. “

New Story è un’organizzazione no profit al servizio delle famiglie bisognose. Sin dalla propria fondazione, appena cinque anni fa, il team ha costruito oltre 2.700 case, servendo oltre 15.000 persone, utilizzando i metodi di costruzione tradizionali in Haiti, El Salvador, Bolivia e Messico.

“Immagina se potessimo ridurre i costi e i tempi necessari per costruire una casa migliorando al contempo qualità e personalizzazione. Questa stampante 3D per la casa ha questo potenziale ”, ha affermato Lafci. “Il cambiamento è una ricerca open source, quindi non stiamo lavorando con ICON per portare questa tecnologia solo per i nostri progetti, ma per portarli nel mondo, per farli conoscere. Il nostro obiettivo è quello di alimentare il nostro settore, ogni governo e organizzazione che costruisce case per i poveri, può emulare ciò che stiamo facendo”.

“I metodi di costruzione convenzionali hanno molti inconvenienti e problemi che abbiamo dato per scontato per così tanto tempo, che abbiamo dimenticato come immaginare qualsiasi alternativa”, ha detto il co-fondatore di ICON Jason Ballard. “Con la stampa 3D, non solo hai un inviluppo termico continuo, un’elevata massa termica e uno spreco quasi zero, ma hai anche velocità, una possibilità di design molto più ampia, e una accessibilità economica”.

Le famiglie che vivranno in questa comunità sono state preselezionate e si trasferiranno al completamento della comunità, tra qualche mese. Le famiglie sono selezionate in base alle necessità; in questa comunità, il reddito familiare medio al mese è di $ 76,50, alcune delle famiglie hanno il reddito più basso di tutto il Messico. Inoltre, la maggior parte delle famiglie in quest’area proviene da una popolazione indigena che è stata storicamente esclusa dai programmi governativi.

Questo fantastico progetto è una lezione importante per tutti noi. Unendo talenti e risorse, possiamo risolvere problemi reali. Il sogno di sostenibilità ed equità sociale non sarà più solo un sogno.

 

Ecco il video del progetto: www.youtube.com/watch?v=PbgCu0aUobE&feature=youtu.be

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina