Condividi

di Beppe Grillo – Sono passati anche questi 7 giorni ed è il momento di vedere cosa veramente ci ha colpito. Il Blog è sempre in movimento e anche in questa settimana i contributi sono stati davvero tanti.

La settimana è iniziata con uno studio sugli effetti delle tecnologie sull’evoluzione del nostro corpo. Gli effetti dell’ambiente in cui ci muoviamo, hanno da sempre influenzato il comportamento umano e di conseguenza le caratteristiche più utili e quelle no, ma la tecnologia è un elemento ormai costante nelle nostre vite. Leggete cosa succederà.

Abbiamo poi parlato di nuove costruzioni. Il primo stadio di calcio in legno al mondo sarà costruito in Inghilterra, per la squadra di calcio Forest Green Rovers. Ecco il progetto.

Sapete quali sono gli effetti del sonno? Quali proprietà ha sul nostro corpo e sulla nostra mente? Leggete questo interessante approfondimento.

Poi è continuato il nostro viaggio all’interno della Grande Distribuzione Organizzata. Saverio Pipitone ci parla questa volta di Lidl. É un supermercato o un Grande Fratello? Leggete e condividete.

Poi è stato il momento della tecnologia. Le batterie in futuro potrebbero essere stampate in 3D. Leggete l’ultima scoperta di un team di ricercatori.

Abbiamo appreso che un team di scienziati ha creato i primi robot “viventi”. Sembra incredibile, ma è vero. Gli xenobot sono forme di vita completamente nuove create da cellule viventi. Leggete qui.

Siamo entrati poi nel campo del cibo del futuro con la prima bistecca vegetale stampata in 3D. Inventata da un italiano, potrebbe significare una vera rivoluzione.

In tutto il mondo le condizioni socioeconomiche stanno letteralmente affondando. Non sembra esserci soluzione, ma i paesi nordici forse hanno la ricetta per ribaltare la situazione. Ecco cosa sta succedendo nei paesi nordici.

E poi un nuovo robot che arriva dalla Cina: Hiro-chan, il Robot bebè che non ha volto. Ecco perchè.

Domani, Federico Fellini, avrebbe compiuto 100 anni. Michele Diomà ha provato ad immaginare cosa accadrebbe ad un “anonimo Fellini trentenne” nella Roma cinematografara contemporanea, e l’analisi è stata “impietosa”. Leggete qui perchè.

Buona domenica dall’Elevato.

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina