Condividi


Se una famiglia italiana spende in media ogni mese 2.442 euro e ne guadagna (per quelle che portano a casa uno stipendio) poco più di 1.000, chi ci mette la differenza? L’erosione dei risparmi e nuovi debiti, fino a quando è possibile. Se si aggiunge il carico da 90 della “tassazione occulta” (2.289 euro all’anno), quella che VA PAGATA per i motivi più folli, ma burocraticamente ineccepibili, un capofamiglia è autorizzato a uscire di senno di fronte agli stipendi dei politici.
“La spesa media mensile delle famiglie italiane si è attestata nel 2009 su 2.442 euro. 1.981 sono destinati all’acquisto di beni e servizi non alimentari. Rispetto al 2007, la spesa media complessiva si è contratta di 38 euro/mese (5 dei quali per una diminuzione della spesa alimentare). Con la crisi, si registra una crescita del credito al consumo (+5,6% nel 2008 e +4,7% nel 2009) – segnala il Censis – mentre le operazioni con carte di pagamento ha raggiunto i 252 miliardi nel 2009. Hanno contribuito soprattutto le carte di credito (+9% di operazioni rispetto al 2008), le carte prepagate (+23,6%), i bonifici bancari automatizzati (+1,3%). I consumi “obbligati” delle famiglie si sono attestati su un livello mai raggiunto in precedenza. Erano il 18,9% della spesa familiare nel 1970, il 24,9% nel 1990, il 27,7% nel 2000. Oggi superano il 30%. Crescono le forme di pagamento cui non ci si può sottrarre. Gli aumenti tariffari per il prossimo anno sono calcolati in circa 1.000 euro a famiglia. Poi ci sono i contributi aggiuntivi per le scuole dell’obbligo, le fasce blu per i parcheggi, le multe che sostengono le esangui casse dei Comuni, le revisioni di auto e caldaie, le parcelle per la dichiarazione dei redditi. Complessivamente, la stima della “tassazione occulta” elaborata dal Censis porta a 2.289 euro all’anno per una famiglia di tre persone.” Cazzo non sapevo che prendevo così tanto di stipendio i 1.000 euro e più che mi mancano per arrivare 2.442 dove sono? Visto che ne prendo 1200, a questo punto sono ricchissimo e non lo sapevo. CENSIS, MA VAFFANCULO!”. silvestro9