Condividi


“Ho trovato un’ambulanza ferma nel mezzo di una strada poco trafficata avevo un paio di macchine avanti e dietro a me ne sono arrivate altre tre. Quello subito dietro è sceso lamentandosi “Non si potevano mettere da una parte?” (no… non potevano). Gli ho risposto che forse c’era un malato, al che ha borbottato qualcosa che mi è sembrato un vaffa. La seconda, una signora troppo sofisticata per essere elegante, è scesa pure lei dicendo “Siamo proprio a Livorno!“. Il terzo si è attaccato al clacson! Il tutto è durato non più di 2 minuti e l’ambulanza è ripartita con le sirene spiegate. Morale “Come si fa a cambiare il mondo con certi elementi?“. E’ proprio da pecore non avere rispetto per chi lavora (magari volontario) di sabato e che domani potrebbe salvarti la vita. Se ci fosse stata, invece dell’ambulanza, una pattuglia delle forze dell’ordine nessuno si sarebbe sognato di mettersi a strombettare. Sono stomacato. Confido nell’entusiasmo di molti di voi giovani che credete di fare qualcosa ma la vedo molto, ma molto dura.” fabio mazzoli, vicarello

Condividi
Articolo precedenteRimini per noi…
Prossimo articoloValentino Tavolazzi