LA RETE DEL GRILLO
    Blog Blog Iscriviti La Settimana Help Promozione su www.beppegrillo.it Contattaci 24/08/2008
.
Il post di Beppe Grillo
Uomini e mezz'uomini, ominicchi, piglianculo e quaquaraquaGli italiani non si meritavano Giovanni Falcone. Lui sapeva che lo avrebbero ammazzato. Così come lo sapeva Paolo Borsellino. Sono andati a morire come i primi cristiani nel Colosseo. Lasciati soli dalle istituzioni, dai partiti, da molti colleghi. Borsellino morì di fronte alla casa della madre. Non fu prevista nessuna misura di sicurezza. Ci andava ogni domenica. L’autobomba fu parcheggiata a pochi metri dal campanello del cancello. Il 13 luglio 1992, sei giorni prima dell’attentato, disse a un poliziotto: “Sono turbato. Sono preoccupato per voi, perché so che è arrivato il tritolo per me (dal continente, ndr) e non voglio coinvolgervi” (*). Sedici anni dopo Capaci, il presidente del Consiglio si chiama Silvio Berlusconi. In Parlamento ci sono Cuffaro e Dell’Utri. ... [continua]



Il miglior commento
MORTI BIANCHE: SPIRALE DI SOLIDARIETA'
leggi il post

di rob m., como. (Voti: 18)
leggi il post


e con Berlusconi Brunetta e Maroni andrà ancora peggio... la legge 30, ricordate???... l'art. 18, ricordate?... ora con la maggioranza che si ritrovano potranno fare veramente quello che credono... licenziare come e quando vogliono... il precariato???... operai, aspettatevi di peggio, arriverà il caporalato !!!!

se penso che la maggior parte degli operai ha votato per costoro, per i partiti dei piccoli imprenditori, di confindustria, di confesercenti, ebbene mi verrebbe da dire...

OPERAI... L'AVETE VOLUTO???... ORA CIUCCIATEVELO...

ma poi penso ai loro figli, ai loro genitori, alle loro mogli... penso che gli altri siamo comunque noi e mi pento....

roberto brianza

Lettere dalla Rete

ALITALIA: LA NAVE CHE AFFONDA

di L.R.

Caro Beppe Grillo,

volevo esporti la mia avventura avvenuta questa estate volando con Alitalia.
Veniamo alla descrizione puntuale di quanto è avvenuto. Questa estate abbiamo deciso (io, mia moglie, i genitori di mia moglie ed una coppia di loro amici con la figlia) di andare a passare 14 giorni in America, e precisamente a Miami Beach ed Orlando. Purtroppo abbiamo avuto la malaugurata idea di partire con Alitalia ed infatti al primo volo abbiamo subito avuto dei problemi. I voli prenotati in agenzia (sottolineo tutti voli Alitalia) sarebbero dovuti essere i seguenti:
• Bologna – Roma del 07/08/2008 partenza alle ore 07:15 (AZ 1312)
• Roma – Miami del 07/08/2008 partenza alle ore 09:25 (AZ 630)
per i voli di andata
• Miami – Roma del 19/08/2008 partenza alle ore 16:15 (AZ 631)
• Roma – Bologna del 20/08/2008 partenza alle ore 09:10 (AZ 1311)
Per i voli di ritorno
Sfortunatamente il volo Bologna – Roma delle 07:15 è partito con ben 1:30 di ritardo arrivando a Roma verso le 09:20 e ci ha fatto perdere il volo per Miami delle 09:25 (l’imbarco ha chiuso 5 minuti prima che arrivassimo e abbiamo visto partire il volo sotto i nostri occhi). E’ da evidenziare che il nostro gruppo di 7 persone era solo una piccola parte delle persone (circa una cinquantina) che a causa dei ritardi in partenza dei voli Alitalia dagli altri aeroporti (Palermo, Milano ecc…) aveva perso le coincidenze con gli altri voli. Dopo avere perso la coincidenza per Miami, il personale a terra di Alitalia ci ha fatto “girare” per l’aeroporto per circa 3 ore portandoci da uno sportello ad un altro, ovviamente nessuno sportello Alitalia si voleva prendere in carico la “patata bollente”. Dopo diverse peripezie, Alitalia è riuscita a trovarci i posti in partenza il giorno successivo con i seguenti 2 voli:
• Roma – Atlanta del 08/08/2008 partenza alle ore 9:00 circa
• Atlanta – Miami del 08/08/2008 partenza alle ore 17:15 circa
Purtroppo a causa di questo disguido non era possibile ritirare il bagaglio imbarcato a Bologna e quindi abbiamo dovuto rimanere con gli stessi abiti indossati la mattina. Abbiamo quindi pranzato, cenato e pernottato, tutto a spese di Alitalia, in un albergo vicino ad Ostia Nord. In tale albergo erano alloggiate circa 250 persone che avevano perso le coincidenze Alitalia da tutta Italia (chi per Buenos Aires, chi per Los Angeles, chi per New York ecc…). Parlando con il portiere dell’albergo siamo venuti a conoscenza che è grazie ai pernottamenti di Alitalia che tale albergo effettua gli incassi più elevati (ma che strano…).
Il giorno venerdi 08/08/2008 siamo partiti quindi con il volo Roma - Atlanta con la rassicurazione da parte del personale Alitalia che avremmo ritirato i bagagli ad Atlanta; a causa dell’immigrazione infatti, i bagagli si ritirano al primo scalo in America.
Ovviamene quando siamo arrivati ad Atlanta i bagagli non erano presenti. L’assistente dell’aeroporto di Atlanta ci ha indicato di prendere il volo per Miami e di ritirare all’aeroporto di Miami i nostri bagagli (ero quasi sicuro che a Miami non li avrei rivisti).
Infatti, a Miami (venerdi 08/08/2008 verso le 19:00) non era presente nessuno dei 7 bagagli imbarcati a Bologna. Ci siamo recati allo sportello per il reclamo bagagli per sbrigare le pratiche di perdita valige e ci hanno informati che tali bagagli sarebbero arrivati la mattina del giorno dopo (sabato 09/08/2008) in albergo.
Ovviamente, sabato 09/08/2009 pomeriggio non era arrivato nessun bagaglio in albergo. Siamo ritornati quindi in aeroporto all’ufficio reclamo bagagli, i quali ci hanno assicurato che 3 dei 7 bagagli sarebbero arrivati in albergo in serata, mentre gli altri 4 sarebbero arrivati con i voli in partenza in nottata da Atlanta e che sarebbero stati portati in albergo forse la mattinata di domenica 10/08/2008.
A notte inoltrata di sabato 09/08/2008 sono finalmente arrivati 3 dei 7 bagagli.
Il pomeriggio della domenica 10/08/2008 non erano ancora arrivati i rimanenti 4 bagagli. Grazie alla collaborazione del personale dell’albergo (che ci hanno confessato che quelli che volano con Alitalia hanno sempre problemi di smarrimento bagagli) abbiamo nuovamente telefonato all’ufficio reclamo bagagli dell’aeroporto di Miami, i quali ci hanno indicato che 2 dei rimanenti 4 bagagli sarebbero arrivati nella serata di domenica mentre degli ultimi 2 bagagli non avevano nemmeno un’idea di dove fossero. Verso le 23:30 di domenica 10/08/2008 siamo rientrati in albergo ma ovviamente dei 2 bagagli che dovevano arrivare non v’era ombra. La rabbia aveva cominciato a lasciare il posto alla rassegnazione quando, verso le 0:30 di lunedì 11/08/2008 abbiamo visto arrivare davanti all’albergo un furgone che ha scaricato tutte e 4 le valige mancanti.
In definitiva, riassumendo, 7 bagagli sono stati imbarcati verso le 06:00 di giovedì 07/08/2008 all’aeroporto di Bologna; 3 sono stati recapitati alle 23:00 di sabato 09/08/2008 e 4 sono stati recapitati alle 0:30 di lunedì 11/08/2008.

Il disservizio raggiunto da Alitalia era già ad ottimi livelli ma non aveva ancora raggiunto il culmine, infatti, il volo Alitalia di ritorno da Miami (Miami – Roma delle 16:15 del 19/08/2008) è partito con 1:45 di ritardo e ha avuto come conseguenza la perdita della coincidenza con il volo Roma – Bologna delle 09:10 del 20/08/2008. Fortunatamente Alitalia ci ha imbarcato con un altro volo in partenza da Roma verso Bologna verso le 13:15, che ovviamente era in ritardo di una mezz’ora.

Ora ho capito perché la nostra compagnia di bandiera risulta essere pesantemente in passivo, ma quello che non capisco è perché i contribuenti italiani debbano continuare a cercare di mantenere a “galla una nave che sta affondando”; senza cambiamento radicale dell’organizzazione ai vertici di Alitalia non è possibile nessun tipo di miglioramento del servizio offerto.

Viene ora spontaneo porsi alcune domande che risultano abbastanza banali e scontate.
Perché per un volo andata e ritorno per Miami in agosto abbiamo sborsato circa 1/3 in più rispetto allo stesso volo effettuato in un altro periodo dell’anno (es. novembre) ottenendo un servizio decisamente deplorevole. Chi ci risarcirà la notte pagata in albergo a Miami che non abbiamo mai goduto ? Chi ci risarcirà la giornata di noleggio auto a Miami mai goduta ? Chi ci ripagherà le spese fatte per l’acquisto di qualche maglietta, spazzolino da denti e il minimo indispensabile per avere affrontato quasi 70 ore (da giovedì 07/08/2008 ore 6:00 a lunedì 11/08/2008 ore 0:30) senza bagaglio ? Ovviamente non mi soffermo nemmeno a descrivere lo stato d’animo in cui si può trovare un gruppo di 7 persone che si trova in vacanza senza nemmeno avere la possibilità di cambiarsi un paio di mutande o una maglietta o lavarsi i denti con uno spazzolino.



SENZA SPERANZA

di S.C.

Buongiorno.
Mi presento: sono uno studente di informatica di 17 anni. Italiano. Sto studiando e apprendendo la lingua spagnola attualmente, perché vista l'attuale situazione non penso di rimanere in questo stato per molto tempo. E' vero, anche in Spagna c'è la crisi, ma quanto meno loro non si tirano la zappa sui piedi come noi. Non hanno fuori legge in parlamento che li governino. Non hanno parlamentari talmente regrediti da pensare solo a loro stessi. Sono 17enne ma riesco comunque a capire avanti di questo passo, l'Italia finirà male. Beppe, io ho 17 anni e so che va male, possibile che quegli ultra 50enni del parlamento non riescano a capire?! e quello che mi stupisce ancora di più sono gli Italiani: è talmente chiaro che Berlusconi dica solo balle, come si fa a dargli il voto?! è questo che veramente non riesco a capire. Siamo i figli di Virgilio, di Dante e Leonardo dovremmo riuscire a avere un attimo di cervello per dire no a uno che fa palesemente i suoi porci comodi. Eppure...


.

I libri e i video di beppegrillo.it
<p>mortibianche</p>
Il video
Il divo-Incontro Scalfari-Andreotti
Il Video
Foto
scudo spaziale
La foto
Grillorama
Grillorama
.
Per non ricevere questa notifica: Disiscriviti>> | Per scrivere al Blog clicca qui
%%detect_both%%