LA RETE DEL GRILLO
    Blog Blog Iscriviti La Settimana Help Promozione su www.beppegrillo.it Contattaci 27/04/2009
.
Il post di Beppe Grillo
POLITICI RAVVICINATI DI UN CERTO TIPOBuongiorno a tutti, stavo consultando i siti dei giornali, ci sono notizie che sono perfettamente coerenti l’una con l’altra, la prima è la febbre suina che naturalmente possiamo applicare a qualunque cosa vediamo in Italia, dice “non c’è pericolo di contagio”: perché siamo già contagiati, ovviamente, e non ce ne siamo accorti! Bologna: “Cofferati condannato per comportamento antisindacale”. Sembra una barzelletta e invece è vero, come Presidente del Teatro comunale è stato ritenuto colpevole, in primo grado, di aver decurtato la paga non solo ai dipendenti che aderiscono agli scioperi di marzo ma anche ai lavoratori che si presentarono. Il giudice dà ragione ai sindacati. ... [continua]


L'ACQUA NON E' UNA MERCEIl Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua ha organizzato un presidio davanti alla Camera il 23 aprile per l'audizione da parte della Commissione Ambiente dei rappresentanti dei Movimenti per l'Acqua sulla proposta di legge d'iniziativa popolare per la gestione pubblica dell'acqua sottoscritta da più di 400.000 cittadini. La proposta di legge è ferma. Nel frattempo le municipalizzate si spartiscono l'acqua pubblica insieme ai Comuni. L'acqua non è una merce. La gestione deve rimanere o ritornare pubblica. I sindaci che hanno svenduto un bene dei loro cittadini, il più importante, si devono vergognare. ... [continua]



Il miglior commento
TUTTI INSIEME SCHIFOSAMENTE
leggi il post

commento di Girasole di Giugno, Treviso (Voti: 39)

business program articles new program business opportunities finance program deposit money program making art loan program deposits make program your home good income program outcome issue medicine program drugs market program money trends self program roof repairing market program online secure program skin tools wedding program jewellery newspaper program for magazine geo program places business program design Car program and Jips production program business ladies program cosmetics sector sport program and fat burn vat program insurance price fitness program program furniture program at home which program insurance firms new program devoloping technology healthy program nutrition dress program up company program income insurance program and life dream program home create program new business individual program loan form cooking program ingredients which program firms is good choosing program most efficient business comment program on goods technology program business secret program of business company program redirects credits program in business guide program for business cheap program insurance tips selling program abroad protein program diets improve program your home security program importance
business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

L'aveva detto ancora dall'inizio dell'anno scorso: "cambieremo la Storia".
E lo sta facendo. Il festeggiare il 25 aprile ed il volerci infilare i caduti del fascismo, è un po' cambiare la Storia.... anzi molto cambiare la Storia.

Giustizia, Legalità, Ambiente, Sociale, Istruzione, Sanità, Economia.

Sta facendo tabula rasa.
E non in tanto tempo.... è solo un anno, scarso, che è regge tutti i fili.

Qualcosa gia aveva fatto in passato, ma in quest'ultimo anno ha dato il meglio di se.

LISTA CIVICA 5 STELLE PER I COMUNI.
Con PERSONE nuove, pulite.

SONIA DE MAGISTRIS, CARLO VULPIO, LUIGI DE MAGISTRIS PER LE EUROPEE.
Chi sa cosa vuol dire "SISTEMA".

Lettere dalla Rete

TARANTO RISORGA DALLE MACERIE

di E. D. G.

Caro Beppe,
è qualche tempo che da Taranto non ci facciamo sentire come allevatori. Una volta vissuta la nostra sventura abbiamo preferito stare lontani dai riflettori che non fanno parte del nostro mondo, anche perché in questo momento ci sono tanti nostri connazionali che meritano sicuramente più attenzione. Nel nostro piccolo, comunque, desideriamo continuare a riflettere su quello che tanti, ma fortunatamente non tutti, hanno considerato solo un nostro problema. Per questo vorremmo innanzitutto ringraziare chi ci ha permesso di rendere pubblico il nostro grido “disperato e di speranza”, chi ha seguito la nostra lenta agonia dietro al sogno di una vita ormai infranto, raccontando le nostre storie, chi non ha avuto timore di schierarsi. Vorremmo inoltre informare chiunque abbia ancora voglia di ascoltarci che solo da pochi giorni abbiamo ricevuto l’obolo stanziato dalla regione per il danno subito e così, a distanza di quasi un anno dalla delibera, circa 30.000 euro sono finalmente comparsi a risarcire un anno di inattività dell’allevamento ovino e caprino, il valore di 504 fra pecore e capre ed un’attività economica che ormai è cessata…sembra uno scherzo!!! L’arrivo di questi soldi ci ha come risvegliati dal torpore in cui ci eravamo rifugiati, forse nella speranza di non dover ammettere concretamente che tutto quanto fosse realmente accaduto con i tempi e le modalità che conosciamo. Non so voi, ma noi non possiamo fare a meno di porci ancora una volta una semplice domanda: chi deve veramente pagare per lo scempio che si è compiuto per anni e da anni nella nostra città? I responsabili verrebbe da rispondere. E chi sono i responsabili? Non si può pretendere una risposta da quella stessa politica che fino ad oggi ha permesso “La costruzione sulla sabbia”, per quanto l’imminenza delle prossime elezioni potrebbe rappresentare una buona carta da giocare per chi ama l’azzardo…purtroppo però noi siamo, anzi eravamo, semplici allevatori abituati a vivere del proprio lavoro e a questa porta abbiamo comunque più volte provato a bussare senza ottenere mai alcuna risposta. Quindi, perchè andare a votare? E soprattutto per chi? L’unica speranza per noi resta la magistratura con i suoi tempi… è passato un anno da quando la magistratura, appunto, ha deciso di individuare i responsabili. All’inizio si è sentito parlare di due-quattro mesi per risalire almeno alla fonte dell’inquinamento di Taranto e del nostro dramma (compito molto arduo quest’ultimo…). In realtà di mesi ne sono trascorsi 12 e come sempre succede i riflettori si sono spenti e nonostante la morte di uomini e animali, gli innumerevoli dati ufficiali pubblicati dall’ARPA, l’infaticabile impegno dei volontari delle diverse associazioni e dei cittadini…ancora niente. Per quello che ci riguarda solo l’obolo stanziato dalla regione per ripagare parte delle spese da noi sostenute e, più in generale, la speranza di una legge che temiamo destinata a subire ulteriori piccoli ritocchini prima di produrre un effetto vero!!! A questo punto non possiamo non rivolgere l’ennesimo nostro accorato appello alle coscienze di coloro che con il proprio lavoro, ogni giorno, con solerzia e imparzialità, noi crediamo, stanno cercando di sbrogliare la matassa per fare giustizia. A coloro che ci hanno condotto, rispondendo non si sa bene alle esigenze di chi, ma certo non alle nostre, a questo triste epilogo e qui ci hanno abbandonati in balia di eventi giganteschi e dolorosi. Dovesse anche per loro accendersi un lumicino…ricordando che, anche se siamo rimasti soli siamo diventati più forti e più consapevoli. Perché il veleno e il dolore o uccidono o fortificano. E noi viviamo nella città dei veleni e del dolore. Ed è proprio in nome di questo sentimento,che concludiamo, estendendo l’accorato appello proprio a Taranto, la nostra città, chiedendole di non mollare, di continuare a combatterla questa battaglia per il futuro dei nostri figli; una battaglia che non è solo degli allevatori, dei genitori degli operai morti sul lavoro, dei malati di ogni età che lottano per sopravvivere, insomma degli “altri”, è una battaglia che è di tutti noi, perché prima o poi, credeteci, toccherà, in un modo o nell’altro, ad ognuno di noi. C'è un grande bisogno di ricostruzione. Ricostruire! Un verbo in questi giorni molto usato, ma questa volta si dovrebbe costruire su un terreno solido e, oggi in modo particolare, seguendo principi diversi da quelli che fino a questo momento hanno ispirato chi di dovere. Qualcuno migliaia di anni fa ha parlato di costruire utilizzando il “Il mio metro sarà il diritto e la mia livella la giustizia'”...DIRITTO e GIUSTIZIA, non chiediamo niente di più, ma neanche niente di meno per risorgere dalle macerie.



TERREMOTO: SAVIANO CI AVEVA AVVERTITO

di D.G.

n Gomorra, Saviano ci aveva avvertito che le case degli Abruzzesi erano piene di sabbia.
Davvero toccante rileggere ora, dopo la tragedia in Abruzzo, le parole di Saviano nel libro "Gomorra".
Aprite a pagina 236 e leggete:
Io so e ho le prove. So come è stata costruita mezz'Italia. E più di mezza. Conosco le mani, le dita, i progetti. E la sabbia. La sabbia che ha tirato su palazzi e grattacieli. Quartieri, parchi, ville. A Castelvolturno nessuno dimentica le file infinite dei camion che depredavano il Volturno della sua sabbia. Camion in fila, che attraversavano le terre costeggiate da contadini che mai avevano visto questi mammut di ferro e gomma. Erano riusciti a rimanere, a resistere senza emigrare e sotto i loro occhi gli portavano via tutto. Ora quella sabbia è nelle pareti dei condomini abruzzesi, nei palazzi di Varese, Asiago, Genova.


.

I libri e i video di beppegrillo.it
passaparola
Il video
Torino radioattiva
Il Video
Foto
porco mondo
La foto
Grillorama
Grillorama
.
Per non ricevere questa notifica: Disiscriviti>> | Per scrivere al Blog clicca qui
%%detect_both%%