LA RETE DEL GRILLO
    Blog Blog Iscriviti La Settimana Help Promozione su www.beppegrillo.it Contattaci 27/06/2009
.
Il post di Beppe Grillo
LE PAROLE PER DIRLO ..."Zoccola", "Piduista", "Pedofilo", "Corruttore", "Fottere", "Mafioso" se corrispondono VERAMENTE a una zoccola, un piduista, un pedofilo, un corruttore, un vecchio porco, un criminale sono parole che non si devono pronunciare. La verità deve salvare la forma. La forma deve coprire la verità. Le parole dei servi. Il perbenismo di regime. ... [continua]


VOMITO COSTITUZIONALEI giudici costituzionali sono gente alla mano, cordiali. Se hanno un dubbio su una legge, per esempio il Lodo Alfano, invitano a cena Berlusconi, Gianni Letta, Alfano e Vizzini. In una bella sera di maggio hanno fatto bisboccia tutti insieme con i giudici costituzionali Luigi Mazzella e a Paolo Maria Napolitano. Chissà di cosa hanno parlato con papi. Il 6 ottobre la Corte Costituzionale si pronuncerà sul Lodo Alfano, quello che rende la banda dei quattro più uguale degli altri italiani. Secondo voi cosa decideranni i giudici? Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure. ... [continua]



Il miglior commento
DEBORA, MIA DEBORA, ASCOLTAMI...
leggi il post

commento di rob m., como (Voti: 67)

DEBORAH... il giorno che ti vedremo in televisione e che dirai chiaro e tondo:-

D'ALEMA VIOLANTE BASSOLINO RUTELLI avete distrutto il Partito Democratico, abbiate un poco di dignità e toglietevi dalle palle...

ebbene cara Deborah, QUEL GIORNO SI COMINCERA' A RICOSTRUIRE IL PARTITO DEMOCRATICO...

VEDIAMO SE HAI IL CORAGGIO... IO SPERO IN TE MA HO TROPPI DUBBI... E COME ME CI SONO MILIONI DI ITALIANI PRONTI A SOSTENERE UNA RAGAZZA CHE ABBIA QUESTO CORAGGIO... I RESPONSABILI DEL TRACOLLO DEVONO CHIEDERE SCUSA AGLI ELETTORI ED ANDARSENE

Lettere dalla Rete

CENA DA BERLUSCONI, UN CASO SIMILE IN SPAGNA

di D. D. V.

caro Beppe,
scrivo da Barcellona (Spagna) con l’intento di fare un paragone tra la cena di Berlusconi con Luigi Mazzella, Paolo Maria Napolitano e una battuta di caccia alla quale parteciparono l’allora ministro della giustizia spagnolo Bermejo e il giudice dell’audiencia nacional Garzon tenutasi a febbraio scorso.
In quell’occasione le due personalità spagnole vennero ritratte in una foto con i cervi abbattuti durante la caccia. Vi allego un link a google con gli articoli che posono servire come primo spunto informativo:
http://www.google.es

ma ció che vorrei risaltare è il fatto che in quell’occasione il Ministro Bermejo si dimise pochi giorni dopo come avverrebbe in qualsiasi paese civile, eppure il Giudice Garzon anche essendo la principale personalità del mondo giuridico spagnolo o comunque il più mediatico (lo si ricorderà per aver giudicato Pinochet) non fa certo parte della Consulta o come altro si chiami l’equivalente organismo spagnolo per gli affari costituzionali, come si evince dalla sua biografia qui di seguito linkata:
http://es.wikipedia.org/

per quanto mi riguarda il presidente del consiglio può andare a cena con uno strettissimo gruppo di persone e non certo con chi deve decidere del suo futuro. Quasi meglio che vada a cena con escort o veline, almeno quelle, pur potendolo ricattare, almeno non devono proteggere la costituzione.

Grazie dell’attenzione.



INGIUSTIZIE NON DIMENTICABILI

di L. G.

Buona sera,
questa segnalazione nasce da un viaggio nel passato. Il suo blog, che analizza il presente ed i suoi gravi silenzi e vuoti, ha forse una sua fisiologica lacuna, proprio per gli scopi che si propone: non getta dei ponti sul passato della nostra Repubblica. Ritengo il passato fondamentale per la comprensione del presente e per la salvaguardia della Memoria, con la "M" maiuscola, in ricordo delle tante vittime dell'oblio. L'approdo a questo Blog non è casuale, quindi. Un mensile che leggo saltuariamente, "Storia in Rete" (www.storiainrete.com), ha da poco pubblicato un e-book su un caso che avevo sentito dai miei genitori, una storia "vecchia" e perciò trascurabile... oggi si dimentica persino ciò che è accaduto ieri, figuriamoci un delitto di 50 anni fa! Anche su questa storia, conosciuta come "caso Fenaroli", si stende l'ombra del potere. Ombra di un potere che non è servizio, bensì potere allo stato puro. Penso che storie come queste, assieme a quelle odierne, vadano riscoperte. Oggi la Memoria è in pericolo perchè è in pericolo il coraggio di fare domande. Le domande giuste alle persone giuste. Chi fa domande, oggi? Chi ha il coraggio interiore di farle? Mi è sembrato interessante segnalare questa storia e questa breve opera. Una vicenda investigativa e processuale dove, sicuramente, non sono stati approfonditi a dovere gli aspetti psicologici degli imputati. La sezione di "Storia in Rete" chiamata "e-book" presenta una sintetica presentazione del lavoro ed il testo è scorrevole. Questa vicenda mi ha colpita, una storia di uomini condannati per una colpa probabilmente non commessa. E' pazzesco se ci si ferma a riflettere: essere sbattuti in galera con la consapevolezza interiore di non aver commesso il fatto! E probabilmente è andata a finire proprio così. Per questo desidero diffondere questa scheggia di malaffare italico che ci arriva dal passato, che passato forse non è. Lavori come questi, come "L'omicidio Martirano" sono interessanti ponti tra passato, presente e futuro.


.

I libri e i video di beppegrillo.it
profondonero
Il video
Grande furore a Messina : Beppe Grillo con Sonia Alfano
Il Video
Foto
silvio ci da corda
La foto
Grillorama
Grillorama
.
Per non ricevere questa notifica: Disiscriviti>> | Per scrivere al Blog clicca qui
%%detect_both%%