LA RETE DEL GRILLO
    Blog Blog Iscriviti La Settimana Help Promozione su www.beppegrillo.it Contattaci 01/11/2010
.
Il post di Beppe Grillo
PORCATE PRIVATE, PUBBLICHE MENZOGNE

Buongiorno a tutti, lo so che ci sono cose più importanti, lo so che l'Italia non può restare appesa al bunga bunga, lo so che Berlusconi ne ha combinate di ben peggiori che ricevere in casa propria prostitute, minorenni, fare telefonate come quelle che risulta abbia fatto alla questura di Milano.
Però stiamo attenti. Perché c'è una tendenza a minimizzare questi fatti dicendo che c'è di peggio. C'è sempre di peggio, però i fatti di cui stiamo parlando sono l'attualità di questi giorni, stanno ancora una volta terremotando il potere in Italia e forse è il caso di prenderli per quello che sono, cercare di capire esattamente che cosa è successo ed esattamente che significato ha, quali particolari di questi fatti hanno una rilevanza pubblica e quali no, per evitare di sottostare ai soliti depistaggi politici e mediatici, che dirottano la nostra attenzione verso aspetti marginali che invece sembrano i più importanti in quanto più pruriginosi, distogliendola invece da quelli magari un po' più noiosi che però sono fondamentali perché riguardano non la vita privata del Presidente del Consiglio ma la vita pubblica, la vita politica, la vita istituzionale.

... [continua]


LADRI DI SPAZZATURA

Finalmente le amministrazioni pubbliche si sono accorte che i rifiuti non sono monnezza, ma una risorsa preziosa. Due marocchini sono stati denunciati e arrestati per furto aggravato di spazzatura a Capizzone, in provincia di Bergamo. I due stavano frugando nei cassoni quando il sindaco li ha avvistati e ha allertato la forza pubblica. I Carabinieri, subito sopraggiunti, hanno arrestato i due ladri. La rumenta di Capizzone è stata salvata dal suo primo cittadino. I barboni che frugano nei cestini delle città sono avvisati. I rifiuti sono di proprietà dei Comuni per conto e per nome degli inceneritori. Chi li tocca va in galera. Dai ladri di biciclette ai ladri di spazzatura.

... [continua]



banner_amazon_tech.jpg
Il miglior commento
Nonni meravigliosi
leggi il post

Commento di tinazzi ., Albano Laziale (Voti: 24)


A NIKI.....
guarda come t'ha ridotto WOODSTOCK !!!!!!!!!!!DD!
ma quale letterine ....a Beppe mandagli la nota spese :
ore giornaliere di lavoro : 20 ore x30 giorni= 600 ore = 12 mila Euri
video / riprese / montaggi : 500 ore x20= 10 mila
indennità diabete : 30 mila euro
indennità stress : 15 mila euro
moglie incazzata : 5 mila
riabilitazione = 5 mila
spicologo : 3 mila
fisioterapista(BONA) : 2 mila
cure termali : 1 mille
.................
83.000 mila Euro....
.................
CoSI' Niki....diventa nero...pure lui....
DDDDDDDDDDDDDD!
eh, eh, eh........ciao grandissimo....IN FORMA!
bello che Beppe ti abbia dedicato un post!!!


Lettere dalla Rete

Breve storia di una generazione

di R.C

Dopo aver studiato ci dissero: “Ma non lo sapete che la laurea non serve a niente? Avreste fatto meglio a imparare un mestiere!”. Lo imparammo. Dopo averlo imparato ci dissero: “Che peccato però, tutto quello studio per finire a fare un mestiere?”. Ci convinsero e lasciammo perdere. Quando lasciammo perdere, rimanemmo senza un centesimo. Ricominciammo a sperare, disperati. Prima eravamo troppo giovani e senza esperienza. Dopo pochissimo tempo eravamo già troppo grandi, con troppa esperienza e troppi titoli. Finalmente trovammo un lavoro, a contratto, ferie non pagate, zero malattie, zero tredicesime, zero Tfr, zero sindacati, zero diritti. Lottammo per difendere quel non lavoro. Non facemmo figli - per senso di responsabilità - e crescemmo. Così ci dissero, dall’alto dei loro lavori trovati facilmente negli anni ‘60, con uno straccio di diploma o la licenza media, quando si vinceva facile davvero: “Siete dei bamboccioni, non volete crescere e mettere su famiglia”. E intanto !
pagavamo le loro pensioni, mentre dicevamo per sempre addio alle nostre. Ci riproducemmo e ci dissero: “Ma come, senza una sicurezza nè un lavoro con un contratto sicuro fate i figli? Siete degli irresponsabili”. A quel punto non potevamo mica ucciderli. Così emigrammo. Andammo altrove, alla ricerca di un angolo sicuro nel mondo, lo trovammo, ci sentimmo bene. Ci sentimmo finalmente a casa. Ma un giorno, quando meno ce lo aspettavamo, il “Sistema Italia” fallì e tutti si ritrovarono col culo per terra. Allora ci dissero: “Ma perchè non avete fatto nulla per impedirlo?”. A quel punto non potemmo che rispondere: “Andatevene affanculo! - Torto, Breve storia di una generazione



Pendolari, polli da spennare

di A.F.

Caro Beppe,
sono un pendolare che tutte le mattine deve utilizzare la propria auto per recarsi presso la stazione ferroviaria di Seveso, nella ridente provincia di Monza e Brianza, per poi prendere il treno ed andare a lavorare a Milano. A Seveso esiste un parcheggio in cui la sosta è sempre stata libera, ora invece la Giunta Comunale in carica ha deciso che da Novembre ’10 la sosta diventerà a pagamento e così anche in gran parte delle strade adiacenti la stazione.
Trovo sia pazzesco che per “fare cassa” non si sia tenuto minimamente conto su chi va ad impattare questo provvedimento, in gran parte lavoratori e studenti che per NECESSITA’ devono muoversi e utilizzare i mezzi pubblici; aggiungo che si tratta del mero pagamento di una sorta di “pizzo”, in quanto in cambio non viene offerto alcun tipo di servizio, il parcheggio è sterrato, non è coperto, non è custodito, etc. Come corrispettivo è stato definito un listino prezzi, all’interno del quale vengono fatte distinzioni tra utenti residenti e non; nel mio caso, non residente, è previsto che io debba pagare 1,50 €/g., che in un mese fanno 30,00 € che in un anno fanno 330,00 €, perché? E’ così che i nostri amministratori, e lo scrivo volutamente con la lettera minuscola, vogliono incentivare l’uso dei mezzi pubblici? E’ questa la considerazione che hanno di noi? Dei polli da spennare! Mi rendo conto che il mio caso, e di quanti verranno impattati da questa scellerata decisione, paragonato ad altri di cui leggo i racconti sul tuo sito, è di sicuro meno tragico, ma ti sarei grato se volessi renderlo pubblico sul tuo sito, per far capire a questi soggetti, che siamo stufi che non accettiamo di essere considerati dei Bancomat da cui attingere per ripianare i conti disastrati delle casse comunali.
Grazie e saluti


.

I libri e i video di beppegrillo.it
Il video
Maxi madley - la malapolitica in musica
Il Video
Foto
Essepicuerre
La foto
Grillorama
Grillorama
.
Per non ricevere questa notifica: Disiscriviti>> | Per scrivere al Blog clicca qui
%%detect_both%%