Condividi

Con l’accesso alle e-mail aziendali 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tramite i nostri smartphone, staccarsi dal lavoro può sembrare più difficile che mai.

Allo stesso tempo, il burnout dei dipendenti sembra essere in aumento. In uno studio condotto su 75.000 dipendenti pubblicato lo scorso anno a giugno, Gallup ha scoperto che il 23% dei lavoratori ha dichiarato di sentirsi esaurito sempre o molto spesso al lavoro, mentre un altro 44% ha riferito di sentirsi bruciato a volte. Uno studio condotto su 614 leader delle risorse umane condotto da Kronos Incorporated e Future Workplace nel 2017 ha inoltre rilevato che quasi la metà degli intervistati ha dichiarato che il burnout è la causa di circa la metà del loro fatturato annuo della forza lavoro.

Ora, sembra che un numero crescente di aziende speri di contrastare questa tendenza trovando modi per migliorare l’equilibrio tra lavoro e vita privata, in particolare sperimentando una settimana lavorativa di quattro giorni. Mentre la settimana lavorativa di quattro giorni è ancora lontana dall’essere comune, sembra certamente aumentare di popolarità.

Il 15% delle 60.000 aziende statunitensi che hanno partecipato al sondaggio della Society For Human Resource Management condotto nell’aprile 2019 ha dichiarato di offrire una settimana di lavoro di quattro giorni di 32 ore o meno. È aumentato del 13% nel 2017 e del 12% nel 2018. Inoltre, le organizzazioni che hanno implementato questa settimana lavorativa più breve non hanno segnalato una riduzione della produttività o delle entrate, secondo lo studio.

Microsoft ha fatto notizia di recente quando ha pubblicato i risultati di un processo che ha tenuto presso una filiale in Giappone, durante il quale ha chiuso i suoi uffici ogni venerdì durante il mese di agosto. La società ha scoperto che ciò ha comportato un aumento del 40% della produttività.

Ecco uno sguardo ad altre importanti aziende che hanno provato a passare a una settimana lavorativa di quattro giorni:

Shake Shack – La famosa catena di hamburger ha iniziato a sperimentare una settimana di lavoro di quattro giorni in alcune sedi a Las Vegas a marz, e ora circa un terzo delle sedi dell’azienda ha adottato questa politica. Sebbene il programma di lavoro di quattro giorni sia ancora in una fase di test, i risultati sembrano finora promettenti, ha dichiarato il CEO Randy Garutti sull’ultima chiamata degli utili dell’azienda. “Stiamo davvero ascoltando i nostri manager, comprendendo come sono i loro stili di vita, quali sono le cose che vogliono”.

Basecamp – Durante i mesi estivi, il personale della società di software di gestione del progetto Basecamp si mette al lavoro quattro giorni alla settimana. “La settimana lavorativa di 32 ore aiuta i dipendenti a concentrarsi sulle attività più importanti per il loro lavoro”, ha dichiarato Chase Clemons, responsabile del team di assistenza clienti di Basecamp in un’intervista alla CNBC. “Trentadue ore ci costringono a dare la priorità a ciò su cui lavoriamo” – ha detto Clemons – “Non si tratta di lavorare più velocemente, ma piuttosto di lavorare in modo più intelligente.”

Uniqlo – La società di abbigliamento giapponese avrebbe permesso a un quinto dei suoi dipendenti di partecipare a una settimana lavorativa di quattro giorni. La vendita al dettaglio ha offerto il vantaggio ai lavoratori del negozio a tempo pieno con l’obiettivo di impedire ai dipendenti di passare al part-time per raggiungere un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata.

Perpetual Guardian ha adottato la settimana di lavoro di quattro giorni a lungo termine dopo un processo riuscito.
L’azienda ha condotto un processo a marzo 2018 che ha comportato l’assegnazione di un giorno di ferie a tutti i 240 dipendenti in tutta la Nuova Zelanda. I dipendenti hanno lavorato per 30 ore settimanali ma sono stati pagati allo stesso modo e dovevano produrre la stessa quantità di lavoro. Dopo il processo, la società ha scoperto che il coinvolgimento del team era notevolmente aumentato, mentre l’equilibrio tra lavoro e vita privata e lo stress diminuivano.

Wildbit, società di software, ha implementato una settimana di lavoro di quattro giorni nel 2017 e da allora ha ripetuto l’approccio. Da allora, la società ha sperimentato il formato per adattarsi ai periodi più pesanti dell’anno. Alla fine è passato a dare ad alcuni membri del team di supporto il lunedì libero anziché il venerdì, e ha considerato l’implementazione di giorni lavorativi più brevi invece di giorni liberi interi.

Ed ultimo,  il più importante, descritto tempo fa sul nostro Blog  quello di Andrew Barnes, fondatore di Perpetual Guardian. Lo stesso Barnes ha lanciato il movimento 4DayWeek (La Settimana di 4 Giorni) per stimolare altri imprenditori in giro per il mondo a cambiare le regole del lavoro. Perchè non ci proviamo? Tutte le info qui.

(Tratto da Business Insider)