Condividi

Non so voi, ma io sono preoccupato. C’è un numero che gira per l’Europa: 17.000 miliardi di euro di titoli tossici nelle banche. Dieci volte il debito pubblico italiano. Se è vero i sacchetti di sabbia alle finestre non basteranno. Bisognerà murarle. Lo psiconano ha prima negato la crisi, poi ha dato la colpa ai consumatori e infine ha accusato i media. Uno statista. Le aziende cadono come un castello di carte per mancanza di commesse e di liquidità. La soluzione per Testa d’Asfalto è di nazionalizzare le banche, ovvero metterle sotto il suo controllo. Dopo le sue farneticazioni i titoli bancari sono crollati. Gli azionisti delle banche ringraziano, in particolare quelli di Unicredit. Per fortuna che Silvio c’è.