Condividi
Energia eolica
(1:58)

E’ un raffinato sistema di connessioni tra il business e la politica. Un piccolo gruppo controlla il settore dell’eolico. Molte società sono presenti, ma dietro ci sono le stesse persone.” Dichiarazione di Roberto Scarpinato al Financial Times. Il giornale riporta in prima pagina: “Indagini sulla mafia sui possibili collegamenti sulla costruzione di impianti eolici“. All’interno è dedicata una PAGINA INTERA sull’argomento. Dopo il passato ci stanno fottendo anche il futuro.
Le energie rinnovabili sono il nuovo terreno di scambio tra imprese, politica e criminalità organizzata. Alle spalle l’Italia ha una lunga storia di inceneritori, discariche di rifiuti tossici, depuratori mai avviati. Malattie, cibi inquinati, acque ridotte a fogne.
Ora si riparte. Come prima più di prima. Ovunque arrivino i contributi pubblici, là volano i politici collusi, il voto di scambio, la distruzione del territorio. Abbiamo inventato le pale eoliche da paesaggio, che funzionano da ferme. Le pale non si muovono, girano solo le palle.
I sussidi italiani e europei per la costruzione di impianti eolici e le tariffe garantite più alte del mondo per l’elettricità che producono hanno reso il Sud Italia un mercato molto attrattivo per la criminalità organizzata“.Secondo il FT dozzine di pale eoliche sono state costruite in Sicilia, ma, nonostante il vento, sono ferme, immobili. Sentinelle di acciaio.
Se non producono energia, le pale comunque producono profitti. Per Rossana Interlandi, responsabile del dipartimento per l’Ambiente per la Sicilia, intervistata da FT, le società sono attratte dalla legge che obbliga i distributori di energia a pagare i proprietari degli impianti eolici anche se non producono energia. Esistono 30 impianti eolici in Sicilia, 60 sono stati approvati e 226 sono in lista di attesa. Se funzioneranno tutti, la Sicilia si alzerà in volo.
L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha valutato in 1,2% l’energia prodotta dal vento in Italia nel 2007. In Danimarca è stata del 20% e in Spagna del 9,8%.
I finanziamenti europei all’Italia devono finire. L’ho già detto a Bruxelles lo scorso anno. E’ come dare i soldi a Bokassa. In Italia si ciancia di federalismo fiscale. Sarebbe meglio chiamarlo spartizione fiscale dei contributi europei e delle nostre tasse. Nel frattempo nel mondo la produzione di energia eolica ha superato il nucleare.