Condividi


In Italia è tutto un fiorire di nuovi palazzi comunali, provinciali, regionali che vanno a sostituire quelli esistenti senza nessuna necessità. Dal più piccolo comune alla Regione Lombardia che ha costruito un nuovo grattacielo al posto del grattacielo Pirelli, alla Regione Sardegna che vuole stanziare 125 mil/euro. I nostri amministratori amano la comodità e gli immobiliaristi, è una loro debolezza.
“Mozione contro l’acquisto dei palazzi di via S. Gilla. Mentre i disoccupati in Sardegna sono in crescita esponenziale; mentre gli operai di Porto Torres stanno su una torre per sottrarsi all’invisibilità e quelli di Portovesme sono massacrati dalla beffa dei continui rimandi; mentre l’inefficienza e la latitanza di Cappellacci sono evidenziate rumorosamente persino dalla sua stessa maggioranza; mentre il furto dei fondi FAS da parte di Berlusconi rende la Sardegna sempre più povera, Cappellacci e la sua giunta, con una sfacciataggine ed insensibilità pari all’incapacità, si mettono più comodi, prendono 125 milioni di euro e li danno all’editore Sergio Zuncheddu in cambio dei suoi palazzi di via S. Gilla a Cagliari…” Gian Franco Dominijanni ( domini). www.sardegnademocratica.it