Condividi


Epifani, segretario pdmenoelle: “Penso che il finanziamento pubblico dei partiti sia una norma in sé giusta, in tutta Europa c’è, ma dobbiamo renderci conto che in un momento in cui la gente non ce la fa la politica deve avere un sovrappiù di responsabilità e bisogna comportarsi con sobrietà di scelte anche in materia finanziaria […] il finanziamento pubblico deve sparire gradatamente“. Il finanziamento pubblico ai partiti doveva essere un ricordo già dal 1993 in virtù del referendum che ne sanciva l’abolizione. E’ stato mascherato da rimborsi elettorali e deve essere abolito completamente il prima possibile, come ha fatto il M5S rinunciando ai 42 milioni di euro che gli spettavano. Le sparate di Epifani e Letta servono solo per prendere “gradatamente” per i fondelli gli italiani per le elezioni comunali.