Condividi
Dipinto di Felice Casorati

Caro Otello mio, te scrivo questa mia, pe’ dittela come me la sento, però, bello de zia, basta che nun t’offenni de tanta mia schiettezza. Ma io te vojo bene e te parlo co’ tutto er core aperto, e so’ sicura che tu me capirai. 

Bello de zia d’oro, sei un generale valoroso, stimato in tutti i luoghi pe’ le tue gesta. Er Doge t’ha voluto alla Serenissima perché nessuno te po’ fregà pe’ strateggìa e talento. Sei propio er mejo, e, come condottiero, nessuno te po’ mannà consiji. Ma, bello de’ zia d’oro, pe’ la cosa più ‘nportante de sto monno, te stai a perde in un biccchiere d’acqua. 

Quella poveretta de Desdemona, tanto a te devota, proprio a lei che nun c’ha occhi che pe’ te, hai montato tutta sta tragedia, senza ‘n briciolo de dubbio, o magara, de raggionamento, come invece faresti pe’ quarsiasi battaja. L’impavido condottiero se fa fregà dalla paura d’omo, la più vecchia paura der monno, e tante vittorie e tante conquiste nun t’hanno fatto diventà più moderno de tu’ nonno. Eppoi, de tanta gente, che pe’ sensibilità e pe’ core, te potrebbe consijà sull’amore tuo, te sei annato a sceje proprio quer fregnacciaro de Iago, che te dovrebbe pulì solo le scarpe.

Forse adesso te sembrerà n’amico, l’amico più vero che tu abbia mai avuto, ma damme retta, quello è uno che se rode dall’invidia, che te vede omo de successo co’ accanto ‘na donna ‘nnammorata. Che antro po’ desiderà ‘n omo de più dalla vita? E te credo che ce rosica: ‘no stoccafisso come lui, che se crede Napoleone (tu nun lo conosci ma è uno che farà la storia) Senza manco ‘na femmina che je se gira pe’ guardallo.

Tu che dici? Je vòi da retta davero a uno senza stoffa, che vòle fa er generale co li sentimenti tùa?

Stasera fa ‘na cosa, prova a esse felice: Pija ‘n ber gruzzolo e nun fa er tirchio, chiama a raccolta quarche tuo graduato, convincilo a portasse a cena fòri dar castello, quello stolto de Iago, pe’ fallo ‘mbriacà, così nun rompe; Poi, pulito e profumato, sali nelle stanze della bella e dorce Desdemona; dije quanto l’ami, e ‘nvece de metteje le mani ‘ntorno ar collo e strigne forte, riempila de baci appassionati e dije che co’ lei te vòi fa vecchio. 

Bello de zia d’oro, sai che te dico? Nun avè paura, strignila sì tra le mani…ma la felicità! 

Se farai così, avrai vinto la battaja più bella della vita tua.

Co’ tanto affetto, zia Anna.

(Anna Ferrari)
#8marzo