Condividi

“Su Lex è stata inserita la proposta del M5S per ridefinire gli ambiti di ineleggibilità e incompatibilità dei parlamentari. Grazie all’esperienza in giunta per le elezioni abbiamo previsto di decidere che non sia più solo la Giunta di Camera o Senato, organi politici, a valutare l’ineleggibilità o l’incompatibilità dei parlamentari, ma che si possa far ricorso anche alla Corte Costituzionale per una maggiore garanzia. Abbiamo previsto anche ulteriori dettagli per quel che riguarda l’ineleggibilità, in particolare per quello che riguarda il dpr del ’57 che è quello che fino ad oggi non ha garantito l’ineleggibilità e quindi la decadenza di Berlusconi, e una normativa più stringente sull’incompatibilità, di modo che i parlamentari siano obbligati ad optare: o la carica elettiva o la posizione che ricoprono. Abbiamo in più aggiunto le sanzioni: tutti i deputati o senatori che nasconano o omettano una posizione di incompatibilità o ineleggibilità saranno sanzionati. Dateci una mano a modificare e migliorare questa proposta! Grazie. Partecipa!Fabiana Dadone, M5S Camera