Condividi

“Proprio in queste ore la Francia si sta macchiando di un crimine contro il diritto europeo ma anche contro l’umanità. La terrificante situazione dei migranti ai valichi di frontiera è un’offesa alla storia del vecchio continente. I nostri portavoce liguri sono andati direttamente a parlare coi migranti a Ventimiglia e quanto ci riportano è agghiacciante, si tratta infatti di persone che risiedevano già, seppur clandestinamente, in Francia, alcuni hanno scontrini di Parigi a testimoniarlo. La gendarmeria francese sta letteralmente rastrellando le sue città e deportando i clandestini, con furgoni, oltre il confine italiano affermando che gli stessi debbano stare da noi perché approdati in Italia. Peccato che, sia vero o meno, gli accordi internazionali parlino chiaro e dicano che il migrante va trattenuto dove viene identificato per la prima volta, quindi in Francia e non in Italia in questo caso. Ma com’è sta storia, l’Accordo di Dublino vale solo quando fa comodo a loro? Dov’è il Ministro degli Interni Angelino Alfano? Dov’è Matteo R.?

VIDEO Esclusivo: La testimonianza degli immigrati a Ventimiglia

Se gli è rimasto un briciolo di dignità (sulle competenze non mi interrogo nemmeno), volino subito dal Ministro degli Interni francese Bernard Cazeneuve e dal Primo Ministro Manuel Valls e pretendano il rispetto della legge. Se non ascoltati blocchino subito i fondi italiani di partecipazione all’Unione Europea, blocchino Dublino lasciando liberi i migranti di svalicare clandestinamente dai confini, ritirino il nostro ambasciatore a Parigi e chiudano subito Schengen bloccando di fatto la frontiera ai cittadini francesi, dopo qualche ora, qualche chilometro di code e le lamentele degli stessi, vedremo se qualcuno in Francia si sveglierà. Il genio di Firenze parla di Piano B? Qui serve un piano R, erre come rispetto. Altro che “Liberté, Égalité, Fraternité”, Affanculè!”
Manlio Di Stefano, portavoce M5s alla Camera

————————————-
E’ online il nuovo libro del Blog “A volte rimangono: Ritratto dei padroni d’Italia” sui profili di noti personaggi del panorama politico ed economico del nostro Paese. Potete vederlo qui: