Condividi

“Il piano di “salvataggio” della Troika per l’Irlanda ha previsto l’imposizione di una tassa sull’acqua pubblica, che costerà ai cittadini fino a 400 euro all’anno. 120.000 cittadini sono scesi nelle piazze di tutto il paese sabato per manifestare contro la nuova tassa e contro l’austerità in generale: “Non è solo per l’acqua, è per gli ultimi 5 anni“, ha detto all’agenzia Reuters un uomo, che ha spiegato che per far quadrare i conti ha dovuto rinunciare all’assicurazione sanitaria e alla sua auto: “Stavo pensando di comprarmi un paio di scarpe quest’anno, siamo arrivati a questo“, ha aggiunto. Secondo quanto riporta RT.com una folla di 20.000 persone ha sfilato per le vie principali di Dublino esibendo striscioni in cui si leggevano scritte come “L’acqua è un diritto umano e non un fine di lucro“, o “La nostra fornitura d’acqua non è in vendita“. I cittadini chiedono al governo irlandese di non dover pagare la nuova tassa: “Non pagheremo assolutamente“, cantavano molti dei manifestanti.” L’AntiDiplomatico