MoVimento 5 Stelle
Mezzi pubblici
Proponi le tue idee: diventeranno parte del programma delle liste civiche
Scrivi una proposta
user-pic

VELIB E AUTOLIB

Salve a tutti , mi chiamo Federico Barnabe è questo è la mia seconda proposta al movimento. Dopo il tema della TOBIN TAX, che potrete trovare nella sezione forum GIOVANI, oggi voglio condividere con voi una esperienza quotidiana nella mia vita parigina sul tema dei mezzi di trasporto pubblici. In Francia malgrado le numerose centrali nucleari hanno un morboso amore per la loro capitale, Parigi, quindi cercano di renderla il loro fiore all'occhiello. Per questo motivo Parigi deve abbiare la sua natura cosmopolita e di grande metropoli ad un fattore di benessere e convivialità di una piccola media città. Per questo motivo e per la qualità della vita dei residenti, da ormai molti anni è stato installato il mezzo pubblico denominato Velib: ovvero biciclette che vengono prese e restituite nel giro di 30/45 minuti ad speciali parcheggi muniti di born magnetici e piccole colonne con un processore interno che permette di registrarsi, pagare e usufruire del mezzo. Parigi si è attrezzata con piste ciclabile a volte semplicemente segnalate per mancanza di spazio, altre invece costruite ad hoc. Il costo dell'abbonamento per residenti è di 39 euro all'anno si puo' usare la bicicletta per 45 minuti la mezzora suplementare costa un euro in più, la seconda due, la terza tre, la quarta e per tutte le altre quattro euro. Si possono effettuare alla born anche abbonamenti di un solo giorno a 1,70 e si puo' utilizzare la bici per tutto il tempo che si vuole, basta fermarsi un minuto dopo la mezzora in caso di abbonamento turistico e 45 minuti in caso di abbonamento residenziale. L'operazione ha avuto talmente successo che anche i comuni limitrofi si sono muniti dello stesso sistema e oggi si puo' girrare quasi tutta l'ile de france in bicicletta, che è ecologica e conviviale. Dimenticavo al momento della sottoscrizione dell'abbonamento il servizio chiede un autorizzazione d'incasso di 150 euro sulla vostra carta di credito che vi verranno addebitati solo se la bicicletta non viene riconsegnata entro tre giorni. sullo stesso principio è nato da quest'anno il servizio Autolib ovvero auto elettriche a noleggio pubblico in tutta Parigi, ora non conosco bene i costi ma non mi stupisce il fatto che ormai tutti le utilizzino di già e che i comuni limitrofi a parigi stiano interessandosi anche loro a questo nuovo mezzo di locomozione ecologico. Ben presto gireremo l'ile de france con auto elettriche!!! Entrambi i servizi hanno regimi di manutenzione effettuati da camion attrezzati che controllano le isole di parcheggio sparse per tutta la città di tanto in tanto e le bici e le macchine sono quasi sempre in ottimo stato di manutenzione. Pensate che questi principi di mobilità urbana e a questo punto anche extra urbana siano adottabili in qualche parte d'Italia? cosa ne pensate di questi servizi? Vi lascio i link sui quali potrete prendere più informazioni: http://www.velib.paris.fr/Comment-ca-marche e per autolib http://www.paris.fr/autolib Grazie per l'attenzione a presto!! Federico Barnabe

1 commento

| Commenta
  • Assolutamente si, basta la buona volontà per farlo. In Israele Shai Agassi fondatore di Better Place, sta progettando un sistema di gestione di Auto elettriche e stazioni di ricarica in tutto il territorio; 200 mdi di dollari di investimenti: il gruppo Nissan/Renault vende la macchina e tu paghi un canone per le batterie a Better Place, ricarichi la batteria e cambi la batteria in un centro Better place, in tempi record e con canoni di affitto bassi. A Shai Agassi ha dato una mano per ottenere i finanziamenti e trovare una casa d'auto internazionale un certo SHIMON PERES... Il futuro è lì.
    Se ti interessa leggi "Laboratorio Israle" di Dan Senor e di Saul Singer e di questo ne parlan nelle prime pagine.

Commenta

Categorie



Le Liste Civiche a Cinque Stelle

La Carta di Firenze

   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons