MoVimento 5 Stelle
Appalti pubblici
Proponi le tue idee: diventeranno parte del programma delle liste civiche
Scrivi una proposta
user-pic

Sindacati Liberi dal Conflitto di Interessi

Proposta:
- Divieto per i Sindacati di essere "Soci" di CAF, Patronati ed Enti di Formazione
- Nomina dei Consiglieri del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro proporzionalmente agli iscritti ai sindacati
- Concessione della delega trattenuta sindacale Pensionati, DS Agricola da parte dell' INPS a tutti i Sindacati
- Applicazione dell'art 39 della Costituzione ( L'organizzazione sindacale è libera.Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge.È condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica.I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.)

Alcuni dati 1.200.000.000 circa tra Patronati, CAF ed Enti di Formazione

I soggetti in Campo sono:

    Stato
    Governo
    CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro)
    INPS
    Patronati
    CAF
    Enti di Formzaione
    Sindacati
    Partiti

Ciò che avviene Adesso è:

Lo Stato finanzia i Patronati pagandogli la Sede Fisica, Personale e Gestione Materiale al cui interno viene spesso inserito un CAF e/o un Ente di Formazione e/o un Ufficio Sindacale in quanto spesso i Sindacati sono "soci fondatori" di tali strutture.
Lo Stato rischia di pagare la sede 3 volte, la prima al Patronato la seconda nei costi della Formazione e la terza pagando i servizi CAF, il che data la mole di denaro in gioco dà la possibilità di avere un rappresentante in ogni provincia e grande comune legato a quello o a questo Sindacato coprendo virtualmente tutto il territorio nazionale.
Il Sindacato vive delle tessere dei propri iscritti che, se ha la delega INPS, accompagna anche durante la pensione.
Alcuni sindacati possono avere loro rappresentanti nel CNEL, i cui consiglieri sono designati dal Ministero del Lavoro e ratificati dal Governo.
L'INPS rilascia la delega ai soli sindacati che siedono al CNEL.

Ora cosa potrebbe accadere SE i sindacati fossero legati a filo doppio con i Partiti?

Innanzi tutto non potrebbero fare i Sindacati poichè avrebbero il Conflitto di interessi dovuto al fatto che:

    i Partiti tramite il Governo decidono a chi dare un posto al CNEL il che da ai Sindacati la possibilità di accedere ad un bacino di potenziali iscritti di 25.000.000 di persone; infatti solo chi ha una poltrona al CNEL ha la delega INPS.
    i Partiti tramite parlamento e senato decidono come erogare i fodi e quanto a Patronati, CAF ed Enti di Formazione che possono essere partecipati dai Sindacati

E se un partito amico chiedesse i contributi per finanziare una manifestazione? O se gli chiedessere una posizione morbida sull'articolo 18? e se gli chiedessero di convincere gli elettori ad abbandonare la strada del movimento? I Sindacati, accosentirebbero o farebbero i duri con chi gli da il pane?

Per liberarli da questo macigno che è il conflitto di interessi basterebbe approvare queste 3 proposte:
- Divieto per i Sindacati di essere "Soci" di CAF, Patronati ed Enti di Formazione
- Nomina dei Consiglieri del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro proporzionalmente agli iscritti ai sindacati
- Concessione della delega trattenuta sindacale Pensionati, DS Agricola da parte dell' INPS a tutti i Sindacati
- Applicazione dell'art 39 della Costituzione

Per VOTARE questa proposta effettua il LOGIN e clicca sulla "STELLINA" e mi raccomando clicca anche su "Mi piace!" e condividi su facebook e twitter.

Categorie



Le Liste Civiche a Cinque Stelle

La Carta di Firenze

   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons