MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Abano Terme - 

Apprendiamo dalla stampa che la base militare ex Nato Primo Roc potrebbe diventare entro breve un centro di accoglienza per centinaia di migranti
Va ricordato che l'ex caserma è demanio dello Stato e il Prefetto ha dunque pieni poteri dato che rappresenta il Ministero dell'Interno e ne ricopre le funzioni nel territorio. In linea con le esigenze già espresse dal Prefetto stesso, noi del M5S reiteriamo la richiesta che le Commissioni per il riconoscimento dello stato di profugo, 40 in tutta Italia, vengano raddoppiate poiché va capito nel minor tempo possibile chi va salvato, essendo un profugo, e chi va rimpatriato perché clandestino.
Al fine di salvaguardare la vocazione turistica del territorio termale, riteniamo che sia quantomeno sensato applicare l'intesa stabilita a luglio fra Governo e Comuni, per una distribuzione equilibrata degli ospiti stranieri.
La domanda che poniamo a chi di dovere è, dunque, se Abano Terme abbia aderito al "Protocollo di Libera Accoglienza Diffusa", in accordo con le massime Istituzioni dello Stato, che prevede la ripartizione di tre profughi ogni mille abitanti al fine di contribuire all'emergenza nell'ottica di una migliore integrazione sociale. Tenendo presente che, per i Comuni che accettassero l'accordo, sono previste agevolazioni economiche e burocratiche.
Riteniamo che sia altrettanto fondamentale che, nel caso, l'Usl verifichi che i servizi predisposti siano quelli necessari a garantire adeguate condizioni igienico sanitarie
Vogliamo in assoluto evitare esperienze disastrose con i profughi già avvenute in note località turistiche, in ragione di ciò, pensiamo che la suddivisione debba essere equanime fra i Comuni dell'intero territorio, ed esprimiamo un sonoro NO alla concentrazione di migranti in centri accoglienza di grandi dimensioni quale potrebbe diventare Primo Roc.
In questo senso, è indispensabile che il Comune di Abano tenga le fila dell'organizzazione appurando che la realtà incaricata della gestione dei migranti utilizzi i fondi per i profughi e non per ingrassarsi, ovvero il Comune si deve comportare da Stato, non da cittadino. E' assolutamente importante che Abano non diventi un centro del business dell'accoglienza.


Jacopo Berti - Consigliere Regionale M5S
Massimo Zambolin - Portavoce M5S Abano TermePrimo ROC.PNG


Abano Terme - 

Sig. Commissario, Sig.Presidente Signori consiglieri.

Vi parlo a nome del movimento 5 stelle di abano terme
Abbiamo assistito e continuiamo ad assistere a fatti gravissimi e ci chiediamo cosa debba succedere ancora perché questa maggioranza si renda conto che deve togliere il disturbo, un Sindaco in carcere, un altro suo amico ex Sindaco della vicina Montegrotto ai domiciliari, come alcuni imprenditori amici ed oggi un Dirigente dell'ufficio tecnico ed altre persone arrestate perchè coinvolte in questo malaffare.

A noi sembra un bollettino di guerra per Abano, la città sta rimanendo senza ossigeno e non solo quello già fortemente compromesso dal taglio degli alberi che l'Amministrazione precedente capeggiata dallo stesso Sindaco ha fortemente voluto.

Purtroppo ci troviamo in una situazione difficile dove, grazie a chi, nonostante abbia ricevuto nuovamente la fiducia degli aponensi, dovrebbe, proprio per rispetto dei cittadini, rimettere il proprio mandato e dare al possibilità di ritornare alle urne per poter eleggere un Consiglio Comunale senza ombre né sospetti.

Abano Terme ha bisogno di onestà trasparenza e legalità, quell'onestà della quale questa maggioranza sembra farsi beffa continuando a sostenere un Sindaco indagato da più di un anno ed ora agli arresti, liberate Abano, liberateci da queste catene, date alla città la possibilità di salvarsi da questo scempio.

Massimo Zambolin
Consigliere comunale Movimento 5 Stelle


Abano Terme - 

Sembra non avere fine l'abisso del malaffare politico-imprenditoriale che ha inghiottito Abano Terme.
Ecco dunque una nuova branchia nelle indagini che hanno portato ad ulteriori quattro arresti ad infangare davanti agli occhi di tutti la città termale più famosa al mondo,
Se qualcuno avesse ancora dubbi sull'esistenza di un sistema organizzato a danno degli aponensi ora ha modo di fugarli completamente. L'arresto del Dirigente dell'Ufficio Tecnico e presidente della Commissione di Gare e del responsabile dell'Ufficio Viabilità e Ambiente testimonia fortissimi indizi a carico di buona parte dell'entourage del Sindaco Luca Claudio.
Siamo seriamente preoccupati per il futuro di Abano, si prevede un futuro durissimo per la città, già provata dalla crisi imperante. La conduzione di aziende da parte di amministratori che si sono lasciati coinvolgere nella spirale della corruzione non è orientata all'economicità. In questo vortice, i servizi ai cittadini sono di qualità scadente ma costano cari a causa del sovrapprezzo che gli appaltatori applicano per pagare la corruzione degli uomini politici. La corruzione aumenta la disoccupazione perché gli imprenditori diminuiscono gli investimenti e faticano a nascere nuove imprese.
Abano sarà una realtà ferma, paralizzata da un apparato studiato per portare alle sue casse centinaia di migliaia di euro in modo illegale.
Ora più che mai le dimissioni del Primo Cittadino sono un'assoluta priorità. Il castello di carta sta crollando e il tenutario dello stesso dovrebbe avere la decenza di togliere il disturbo e concentrarsi sulla propria difesa davanti alla Giustizia. Altrimenti i cittadini di Abano potrebbero pensare che non lo fa perché semplicemente non può farlo , perché forse la sua posizione è indifendibile
Il M5S vuole che criminalità e malaffare vengano spazzati da Abano e sia ripristinata la legalità.
Massimo Zambolin
Portavoce Consigliere M5S Abano Terme

IL M5S CORRE DA SOLO!


Abano Terme - 

In risposta ad un comitato autoproclamato 5 Stelle apparso sui giornali nei giorni scorsi, il Movimento 5 Stelle smentisce categoricamente ogni alleanza con altre forze politiche nelle prossime elezioni amministrative. Per statuto e per scelta non si fanno alleanze con nessuno.

Siamo diversi dagli altri e rimandiamo al mittente qualsiasi affermazione falsa volta unicamente ad ingannare i cittadini, mentre ribadiamo con forza che tali voci sono assolutamente prive di fondamento.

Da sempre il Movimento 5 Stelle diffida anche legalmente chiunque tenti di usare il nome e il logo a sproposito e comunque senza averne il titolo. Riteniamo qualsiasi utilizzo non autorizzato di nome e simbolo puro sciacallaggio politico.

Il M5S condivide unicamente idee, temi e programmi ma ribadisce il concetto che mai ci sarà alcuna alleanza con alcun partito politico. Noi corriamo da soli.

M5S Abano Terme

PAT COL DIAVOLO


Abano Terme - 

PAT.PNG

Anche ieri sera, purtroppo, è andato in scena il solito desolante teatrino abilmente messo in atto dalla nostra Amministrazione comunale.
Nonostante la pomposa introduzione carica di citazioni letterarie proferita dal Sindaco (abbiamo pensato che si sia avvalso del ghostwriter di Obama), abbiamo potuto assistere ad un valzer di numeri, numeretti e diatribe nate da un atteggiamento GRAVISSIMO ed INQUALIFICABILE, che pone in essere più di qualche dubbio sulle reali intenzioni di procedere di questa Giunta:
i documenti relativi al famoso ed atteso PAT, sono stati resi disponibili solo cinque giorni prima della convocazione del Consiglio.


L'opposizione ha informato che in Commissione Capigruppo, è stato chiesto due volte di poter procedere ad una verifica più approfondita per potersi esprimere con piena coscienza, ma nulla di fatto, l'unica risposta è stata un "NO", chiaro ed inequivocabile.
D'altro canto dobbiamo constatare come anche le stesse opposizioni presenti in Consiglio ieri sera, si siano fatte letteralmente abbindolare, cadendo nelle trappole più meschine e becere di questa maggioranza.
Trappole, che hanno voluto garantire solo ed esclusivamente la faccia e l'onorabilità di chi, (e vi risparmiamo le cifre, le metrature ecc.) non ha fatto altro che ingiustificati e anacronistici paragoni, con periodi storici e Governi che nulla hanno a che vedere con le reali esigenze moderne di una città a così spiccata vocazione turistica, e così bisognosa di ecologia e rispetto del meraviglioso ambiente che ci circonda.

Oltre al fatto che, ben quattro anni e mezzo di lavoro e di grande impegno per realizzare il cospicuo progetto illustrato sapientemente dall'architetto che lo ha realizzato, hanno prodotto qualche risultato fuorviante, dato che i 150 metri cubi previsti per nucleo familiare che la legge regionale indicano come riferimento non sono conformi ad Abano, dove ne servono 400.

Noi del Movimento 5 Stelle, abbiamo sempre parlato di riqualificazione, parola che ieri sera è uscita molto spesso dai banchi di maggioranza, ma che secondo noi, deve essere concepita come un naturale sbocco turistico e occupazionale, e non, come paventato, unicamente con finalità residenziali molto discutibili in termini di reali necessità della cittadinanza.
Il PAT come noto, delinea il futuro assetto territoriale, demografico, e non solo, di un intera città, ci parla di come un'Amministrazione vede e concepisce la vita di tutti noi, e la rende sostenibile e moderna... Non possiamo che prendere atto che 88.000 metri cubi, o molti di più, (come alcuni credono), siano, insieme allo sviluppo verticale degli edifici, delle scelte SCELLERATE che non faranno altro che snaturare e imbruttire ulteriormente ciò che fa parte della nostra storia.

Anche l'esposizione del DUP ha fatto pensare più che altro ad un esercizio di stile per la campagna elettorale, più che a concreti proponimenti rivolti all'interesse della collettività
Non ci meraviglia chi ha fatto della poca chiarezza e dell'imposizione il proprio "modus operandi", ma siamo pronti a promuovere con l'informazione e la partecipazione la FINE di questo malcostume imperante.

Gruppo M5S Abano Terme



Abano Terme - 

Inquinamento pm10.jpg


Apprendiamo che il Comune di Abano è intenzionato ad abbattere ancora alberi.

E' questa la politica ambientale dell'attuale amministrazione aponense?

Se, come scrive il nostro stesso Sindaco, il rispetto e la tutela dell'ambiente uniti alla conservazione del nostro territorio sono strettamente correlati allo stato di benessere dei cittadini e dei nostri ospiti, è incomprensibile questo accanimento contro la Natura in città!

Forse chi ci amministra crede di poter respirare un'aria diversa dalla nostra?

Basta leggere i giornali per capire che ci stanno avvelenando: la Provincia di Padova è una delle aree più inquinate d'Europa!!!

E ricordiamoci che l'inquinamento è una delle cause principali delle malattie più diffuse!

Il Movimento 5 Stelle ha a cuore la salute dei cittadini e si fa promotore di alcune interrogazioni in Senato proprio per porre l'attenzione su questo fondamentale tema, e sensibilizzare chi ci governa:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=713742


http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=939931

L'ANCI inoltre ha dato vita ad un progetto di forestazione per i Comuni italiani, ma sembra che il nostro Sindaco non ne abbia mai sentito parlare:

http://www.econewsweb.it/it/2015/06/24/verde-urbano/#.VmniqfnhDIW

E' superfluo ricordare che le piante sono i nostri polmoni, dato che trattengono l'anidride carbonica e liberano l'ossigeno, per questo noi consideriamo un delitto l'abbatterne anche solo una.

Gruppo M5S Abano



Abano Terme - 

Tanto tanto tempo fa, in un Comune termale lontano lontano, chiamato Abano Terme, c'era un'Amministrazione che doveva gestire un punto di Informazione Accoglienza Turistica (IAT).
Il povero Assessore al turismo, in precedenza già Consigliere con delega presso l'Amministrazione di Montregrotto Terme, non sapeva come fare, non ne aveva mai avuto esperienza...poverino!!...
I turisti spaesati giravano per la città senza meta perché nessuno dava loro indicazioni... Per sei lunghi mesi i preziosi turisti vagavano vagavano e non trovavano un punto di riferimento nè qualcuno a cui chiedere informazioni.... Che tristezza, che sconfitta per la città di Abano Terme, il più importante e antico centro termale d'Europa!
Cosa decise quindi questo Assessore? Decise di stanziare appena 20.000€ per questo progetto, e con un affidamento diretto perché la Gara d'Appalto era brutta e cattiva e troppo difficile da promuovere...
Indagini di mercato? Computo estimativo? Cos'erano questi termini sconosciuti e complicati? La povera Amministrazione brancolava nel buio! 20.000€? Ma perché questa cifra? Da dove usciva? Non lo sapeva nessuno nel Comune di Abano!
Infatti, in una notte buia e tempestosa, questi soldi si trasformarono in ben 100.000€!!...E sembrerebbe che la malefica Gara d'Appalto venisse infine indetta ma non prima di dicembre!
Come finirà questa storia? Nessuno lo può ancora sapere...arriverà qualcuno a salvare i poveri turisti ancora rimasti???
>

LC.PNG
M5S Abano Terme
>


Abano Terme - 

Ogni volta che ci si sforza di trovare qualcosa di buono nell'operato dell'Amministrazione uscente, ecco che al Consiglio Comunale la stessa Giunta di maggioranza fa del suo meglio per rendere più arduo questo compito. Questa Amministrazione non perde l'occasione per dimostrare la propria arroganza e maleducazione, si pensi all'assenza del Sindaco o all'uscita in massa dei Consiglieri di maggioranza durante la discussione di uno dei due punti all'ordine del giorno. Ovviamente questa considerazione è soggettiva, in quanto per il Movimento 5 Stelle non dovrebbe nemmeno esistere un pregiudicato ed indagato per reati contro la pubblica Amministrazione che annuncia con orgoglio la propria ricandidatura, ma capiamo che per molti cittadini, i pregiudicati nelle istituzioni non sono un'emergenza. Constatazioni basilari come quest'ultima non devono sorprenderci in quanto la città è governata da un uomo che ha scelto di fare politica al servizio di se stesso, facendo passare in secondo piano i diritti dei cittadini come il diritto a vivere in una città funzionale alla propria vocazione termale, e il diritto a venire governati da persone oneste in carica per al massimo 5 anni al termine dei quali tornano a fare il lavoro che facevano precedentemente. In un contesto in cui il massimo contributo alla città, da parte dell'Amministrazione, consiste in una manifestazione che si pone a metà fra sagra paesana eccessivamente costosa e alcool pride, non stupisce che la maggioranza dei cittadini ignori i procedimenti penali in cui è implicato Luca Claudio, il quale fra i più disinformati è pure considerato un paladino della legalità. La faccenda, che in un paese normale si definirebbe 'scandalo', sulla quale poniamo l'attenzione oggi è invece il caso di via Flacco; in una controversia legale fra privati il Consiglio Comunale è intervenuto con un provvedimento che esorbita dalla sua competenza, favorendo uno dei due litiganti. Non entriamo nel merito della questione perché tocca ai giudici di Cassazione, perciò oltre a porgere la nostra solidarietà ai cittadini onesti che da anni lottano per vedersi riconosciuto e rispettato da tutti, anche dai potenti, un legittimo diritto, ci chiediamo se davvero la città di Abano abbia bisogno di un pubblico amministratore che non perde l'occasione per compiere atti discutibili che troppo spesso finiscono sotto la lente della Procura. Noi pensiamo che Abano non meriti indagati per associazione a delinquere, corruzione, abuso d'ufficio, concussione, ed altri capi d'accusa che in un paese moderno portano all'impresentabilità di un soggetto, ma abbia bisogno di persone che magari non faranno campagne elettorali da centinaia di migliaia di euro, ma che hanno saldi principi come il rispetto delle regole, l'onestà, la trasparenza, la coerenza e l'incorruttibilità di fronte ai potenti della città e non si facciano ingolosire da poltrone più prestigiose. Cose che, a giudicare dall'ultimo Consiglio Comunale, sembrano introvabili in questa Amministrazione.


Gruppo M5S Abano Terme


Abano Terme - 

Sul Michelangelo gli avvoltoi della politica


Non facciamoci ingannare.

La storia recente dei nostri territori ci ha portato purtroppo a conoscenza di una gestione alquanto discutibile degli appalti sui quali tutt'ora ci sono delle indagini in corso.

Ma ad un certo punto arrivano notizie di possibili arrivi di profughi e nel territorio termale non si parla d'altro. E tornano a tuonare le voci di esponenti politici e nuove figure che sembrano orientate all'acquisizione di consensi tra la gente più che alla problematica vera e propria.

Non vogliamo sminuire l'importanza del controllo della questione profughi, impattante soprattutto in un territorio a vocazione turistica come l'area termale. Anzi, come già abbiamo dichiarato, crediamo che le accoglienze vadano predisposte in luoghi adeguati e sicuramente non devono arrecare danni a chi vive in questo ambiente. Non è difficile dunque capire che il Michelangelo non sia il luogo più adatto ad accogliere profughi.

Tuttavia secondo noi il vero punto non è solo essere d'accordo o meno ad ospitare profughi presso l'Hotel Michelangelo. Il nocciolo della nostra considerazione è dar credito o meno a figure che con la loro mala conduzione sono riuscite a mettere in difficoltà i cittadini anche soltanto con una gestione ordinaria, immaginiamoci se questi stessi possono o potranno essere capaci di coordinare una situazione che va al di là della normale gestione. Ma arriviamo meglio al concetto: è giusto dare ulteriori possibilità di risolvere i problemi a chi ne ha addirittura creati aumentando le tasse per turisti ed albergatori, gestendo appalti organizzati senza gara forse anche con il benestare di buona parte della vecchia politica termale? O, peggio ancora, è corretto dare fiducia a forze extraparlamentari che hanno nell'odio e nel disagio sociale le loro radici?
Noi crediamo che le alternative ci siano e reputiamo che le possibilità di risolvere anche tanti altri problemi siano alla nostra portata.

Riteniamo che sia necessario prima di tutto informarsi e tornare ad essere critici verso coloro che sembrano affacciarsi a raccogliere facili consensi lanciando slogan e nessuna proposta.

Il Movimento 5 Stelle fa i fatti e sta via via aumentando la propria presenza in tutte le sedi istituzionali ovvero Comuni, Parlamento Italiano, Parlamento Europeo e, recentemente, Regione Veneto: noi riteniamo che proprio la sinergia fra i cittadini e i nostri rappresentanti possa individuare la migliore soluzione alla gestione dell'immigrazione. Noi siamo qui per farci da tramite ai vostri suggerimenti e osservazioni, pregandovi di ignorare demagogie, facili sirene, nè tanto meno di delegare al 100% a personaggi stantii che hanno fallito nell'ordinaria amministrazione.

Ci teniamo a divulgare quanto sia importante sapere che Parlamento Italiano ed Europeo sono le sedi dove andrebbero risolti i problemi, in particolare l'attuale urgenza dettata dalla questione profughi.

Mentre a livello locale si possono facilmente recuperare consensi sul nulla e sulla disinformazione di chi non vede oltre al proprio Comune di residenza.

Chi reputa che il territorio termale abbia la necessità di avere dalle Istituzioni locali un sostegno e una rappresentanza generata dai cittadini stessi, ha una valida alternativa sulla quale forse vale la pena riflettere per il futuro...

Movimento 5 Stelle Terme Euganee - Gruppo Abano Terme

MICHELANGELO.PNG


Abano Terme - 

E' stata una campagna elettorale senza esclusione di colpi, senza lesionare sforzi o impegno. Consapevoli della difficoltà ma soprattutto della posta in gioco per il Veneto e per i Veneti.

Come Candidato Consigliere M5S, ormai ex candidato, ho vissuto ciò che veramente significa essere Movimento 5 Stelle.

Prima di tutto, significa essere sempre tra le persone: ai banchetti in piazza a comunicare e soprattutto ricevere sia critiche che consigli e domande; tra i banchi e furgoni durante i mercati paesani ad ascoltare la rabbia di coloro che non possono comprare come di coloro che non riescono a vendere; seduti davanti ad un tavolino per un bicchiere di vino o una tazzina di caffè per discutere di come le cose in paese funzionano o meno, di quanto "xe ladro queo o queo altro".

Vuol dire poi, parlare con le associazioni di categoria per conoscere cosa davvero serve a coloro che ogni giorno entrano in contatto con il Mondo quello vero fatto di fatiche delusioni e tanta voglia di uscire dalla "melma di burocrazia e crisi" dove ci troviamo; con comitati, associazioni e liberi gruppi di cittadini che lottano per il territorio, la cultura, l'ambiente e la salute del Nostro territorio veneto e di chi ci vive.

Infine ho vissuto cos'è la legalità, cosa sono il rispetto e la coerenza verso i cittadini, abbiamo portato avanti una campagna elettorale durissima contro dei partiti colossi, pompati da centinaia di migliaia di euro provenienti dalle più diverse forme di finanziamenti, ma che ti rendono poi schiavo di coloro che questi soldi hanno deciso di farti pervenire. Nel merito mi preme rendervi noto che la mia campagna elettorale è costata 700 euro.

Il rispetto delle regole su come si porta avanti una campagna elettorale ci ha caratterizzato, infatti non si sono viste vele pubblicitarie su camioncino, poster elettorali fuori posto o cartelloni elettorali in sedi di partito che appartenessero o raffigurassero il Movimento 5 Stelle.

Io personalmente ho percorso 644 Km con la bici autofinanziatomi per sponsorizzare Jacopo Berti e il Movimento 5 Stelle in Veneto, per tutta la Provincia di Padova, da Camposampiero ad Este, da San Pietro in Gù fino a Strà, passando per i Colli e le Terme Euganee.

Ora non abbandonateci, coloro che ci hanno votato ma anche coloro che non lo hanno fatto, sappiate che ciò che abbiamo proposto e proponiamo per il Veneto è un progetto per cambiarlo tutti assieme. Ognuno con le proprie competenze e capacità, progetti e critiche.

Permettetemi poi di ringraziare tutti i 505 che hanno deciso di mettere la mia preferenza come Candidato Consigliere e tutti coloro che mi hanno aiutato e supportato in particolare gli attivisti delle Terme Euganee, di Teolo e di Padova. La lotta va avanti ora più decisi che mai anche con la presenza in Consiglio Regionale Vento del Movimento 5 Stelle.

Vi ringrazio.

Davide Cuccato Gruppo Movimento 5 Stelle Abano Terme

I candidati a Abano Terme

  • user-pic
    dharman