MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Altamura - 

locandina dibattito sul referendum costituzionale.jpg

comunicato stampa

M5S Altamura invita la cittadianza, sabato 08.10.2016 presso la Sala "T. Fiore"

DIFENDIAMO LA COSTITUZIONE ITALIANA:

perchè votare NO al prossimo referendum

Interverranno il prof. Luigi Volpe (ordinario di diritto costituzionale) ed il senatore M5S Maurizio Buccarella


Abbiamo ancora poche settimane per conoscere in profondità il merito dei 41 articoli del testo di "revisione" sul quale voteremo al il prossimo referendum.

Sabato 8 ottobre 2016 alle 18,00 c/o la sala Tommaso Fiore

(ex Monastero del soccorso)

il M5S Altamura organizza un incontro per contribuire ad un dibattito che non può essere lasciato ai alla mistificazione televisiva. Ne parleremo con il prof. Luigi Volpe (Ordinario di Diritto Costituzionale dell'Università di Bari) ed il portavore M5S al Senato Maurizio Buccarella (coordina Pietro Masi consigliere M5S Altamura)

Una cosa è certa e da questa vogliamo partire: la "riforma"della Costituzione e l'Italicum cancellano la democrazia parlamentare gettando l'Italia in una evidente incertezza del diritto visto e considerato che gli stessi governanti hanno difficoltà di interpretazione delle norme che essi stessi hanno scritto.

Con il prezioso contributo di uno studioso del diritto ed di un senatore della Repubblica, faremo luce sulle mille perplessità che suscita la nuova versione della costituzione. Potremmo, alla fine, scoprire che:

- il Senato diventa un hobby esclusivo per sindaci e consiglieri regionali (che non faranno bene nè l'uno né l'altro);

- le risorse per la politica diminuiscono (forse) MA NON DIMINUISCONO I COSTI DEI POLITICI dato che il bicameralismo diventa più confuso;

- scompaiono o diventano impraticabili diversi meccanismi di partecipazione democratica (voto dei senatori, leggi di iniziativa popolare, referendum);

- si passerebbe da uno a nove procedure per approvare una legge (alla faccia della semplificazione!)

- si profila un pericoloso accentramento di poteri in capo ad una persona che decide sull'elezione del Capo dello Stato, sui membri della Corte Costituzionale e può fregarsene del parlamento eletto dai cittadini.

Questo scenario ci riporterebbe indietro di un secolo. L'Italia ha bisogno di andare avanti.

VOTARE NO al prossimo referendum è il primo passo. Per farlo con cognizione di causa e diffondere informazioni corrette è importante essere correttamente informati.

Vi aspettiamo numerosi,

Perchè si scrive referendum, ma si legge sovranità popolare.

Gruppo consiliare
Movimento 5 stelle Altamura


Altamura - 

bozza Mozione MICROCREDITP.jpg

Nelle sedute del 7 e 9 settembre prossimi, arriva finalmente in Consiglio Comunale la mozione sul MICROCREDITO COMUNALE già presentata a febbraio dal portavoce del MOVIMENTO 5 STELLE Altamura Pietro Masi.
L'obiettivo è quello di avviare un progetto sperimentale di Microcredito destinato sia a nuove iniziative imprenditoriali (finanziamento fino a 25mila euro) sia a persone fisiche in stato di necessità (finanziamento fino a 10mila euro).
Grazie al Microcredito comunale potranno accedere al credito, avendo il Comune di Altamura come garante, tutti quei soggetti considerati "non bancabili" in quanto privi di garanzie reali e quindi esclusi dai circuiti tradizionali.
Questo strumento si aggiungerebbe a quello promosso dalla diocesi di Altamura e dalla Caritas con l'auspicio che anche il comune faccia la sua parte come già accade in altre realtà.
Se ritieni utile l'introduzione del MICROCREDITO COMUNALE condividi questo post ed aiutaci a far approvare la mozione! #Microcredito #m5sAltamura

Leggi qui la mozione:
http://m5saltamura.it/forum/viewtopic.php?f=6&t=306


Altamura - 

foto gioco azzardo.jpg

M5S Altamura: DETTIAMO LE REGOLE DEL GIOCO  (d'azzardo)

Il GdL Cultura e Servizi Sociali del M5S Altamura ed il portavoce Pietro Masi, chiedono che si avvii un dibattito su un fenomeno preoccupante.

Nei giorni scorsi il GdL Cultura e Servizi sociali ha sottoposto alla presidenza della II commissione del comune di Altamura una bozza di regolamento per le SALE GIOCO ed i GIOCHI LECITI.
L'obiettivo è dare concreta attuazione alla Legge Regionale 43/2013. 
Il Gioco d'Azzardo Patologico è una realtà che non possiamo più ignorare: le famiglie disintegrate, i bilanci familiari dissestati, giovani sempre più in cerca di facili guadagni ed una totale assenza di un uso responsabile del denaro...
Tutto questo condito con una insidiosa e martellante campagna pubblicitaria ed una finta campagna di contrasto al GAP.
A farne le spese sono soprattutto le fasce sociali più deboli, coloro che sognano di vivera alla grande e finiscono, invece, per perdere tutto (affetti compresi) inseguendo l'illusione di "vincere".
Anche ad Altamura il fenomeno è in crescita, tanto che si è resa necessaria la nascita di un centro di ascolto vittime del gioco d'azzardo.

Siamo conviti che ogni euro sprecato nel gioco, nelle scommesse nei c.d. gratta e vinci, sia un euro sottratto ai bisogni delle famiglie e all'economia reale.

Abbiamo voluto, come Movimento 5 Stelle, che fosse la II commissione consiliare a prendere in carico tale argomento perché auspichiamo che l'intero consiglio comunale voglia dedicare tempo ed energie ad analizzare il fenomeno e proporre soluzioni magari partendo proprio dalla nostra bozza.


GdL Cultura e Servizi Sociali
Pietro Masi consigliere comunale
M5S Altamura

SCARICA LA BOZZA DI REGOLAMENTO INVIATA


Altamura - 

interrogaz jpg

comunicato stampa

Nuova interrogazione M5S sulle norme urbanistiche
GLI AMPLIAMENTI OLTRE IL 100% sono NUOVE REALIZZAZIONI
i SILOS SONO VOLUMI A TUTTI GLI EFFETTI ("Nuove Costruzioni").

Il M5S Altamura sostiene ampliamenti e nuove realizzazioni
ma chiede che si rispetti la legge e si definisca in maniera chiara per tutti la normativa sui volumi tecnici..

A pochi mesi dalla interrogazione sulle zone F1, con il supporto del M5S Puglia, abbiamo posto un'altra interrogazione (vedi allegato) a risposta scritta all'assessore Regionale riguardo l'ampliamento degli opifici produttivi esistenti e gli annessi volumi tecnici. Partendo da casi specifici, abbiamo richiesto chiarezza su norme spesso interpretate nei comuni in modo quantomeno discutibile.

L'Assessore risponde ai nostri due quesiti ,il primo sul limite massimo del 100% di volumetria in ampliamento, il secondo sulla natura dei silos per lo stoccaggio, ovvero se siano essi considerabili volumi tecnici o meno.

In questi primi mesi di nuovo governo cittadino, la I° commissione capeggiata dal Fratello d'Italia (Nicola Fedele Loizzo) è andata davvero Forte! Ad un ritmo medio di 3 convocazioni settimanali, è la commissione che ci costerà più di tutte quantomeno in termini di gettoni di presenza. Ma ciò che sta caratterizzando il lavoro della squadra di Capitan Loizzo sono diversi provvedimenti che farebbero passare per ampliamenti ( superano anche il 200% dei volumi iniziali) quelli che secondo le norme regionali vigenti "vanno a configurare sostanzialmente nuove realizzazioni".

La risposta dell'assessore regionale è chiara e non occorrono particolari doti culturali per dedurre che
- Sugli Ampliamenti: il 100% NON è limite massimo di ampliamento degli opifici, MA è il limite ,da valutarsi in relazione alle dimensioni dell'attività, "oltre il quale gli interventi medesimi vanno a configurare, sostanzialmente, nuove realizzazioni, e come tali presuppongono anche la necessaria verifica del requisito " della inesistenza e della insufficienza" delle aree."

Sui SILOS: "si rileva che in termini generali i silos per lo stoccaggio delle produzioni olearie e cerealicole, alla luce della prevalente giurisprudenza, devono essere considerati volumi (e quindi nuove costruzioni) fatte salve , tuttavia, le ipotesi in cui le Norme Tecniche degli strumenti urbanistici comunali non li escludano espressamente dal computo delle volumetrie assentibili (volumi tecnici)."

Alla luce di queste indicazioni (o prescrizioni?!?) il sindaco Forte ed il suo Fedele Loizzo dovrebbero rivedere i pareri favorevoli sinora rilasciati dall'ufficio competente e dalla commissione urbanistica e magari iniziare a considerare seriamente il valore dei soldi (dei cittadini) con i quali si pagano i gettoni di presenza e le indennità varie. Per quanto riguarda i silos, se non si vogliono far pagare gli oneri di urbanizzazione (e le tasse ordinarie) per attuare una politica che attragga investimenti, il M5S non è contrario, ma tali volumi tecnici vanno prima definiti ,nero su bianco, nelle Norme tecniche di Attuazione.


Gruppo consiliare
M5S Altamura

ALLEGATO:
Interrogazione a risposta scritta n. 190.pdf


Altamura - 

forte loizzo tasse diminuiscono.jpg

Comunicato stampa

Nel consiglio comunale pre-federiciano
LE TASSE AUMENTANO, MA PER FORTE E LOIZZO DIMINUISCONO
E SI FANNO BELLI STRUMENTALIZZANDO IL M5S

In verità questo anno pagheremo oltre 300 MILA euro in più per la monnezza!!!

Nell'ultimo consiglio comunale, celebratosi, nella giornata di venerdì 22 Aprile, a ridosso di FEDERICUS sono stati approvati: 1. il PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2016; 2. LE TARIFFE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI); 3. LE ALIQUOTE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)
Il primo rappresenta la strategia economico-finanziaria per la gestione dei rifiuti urbani e da questo derivano i relativi costi. Il M5S ha subito denunciato un aumento dei costi di ben 308.400,72 euro. Quest'anno, in pratica, il comune di Altamura getterà 12.542.398,32 euro nella monnezza!!! Un aumento che stride con la piccola ma significativa diminuzione dei rifiuti prodotti e che vede come prima causa il vergognoso 18% di raccolta differenziata, in continuità con l'amministrazione precedente. Nel piano, purtroppo, non è menzionata alcuna strategia volta alla riduzione dei rifiuti prodotti.
A pagare questi aumenti di costo saranno sia le famiglie, che vedranno aumenti della tassa dei rifiuti di circa 2 punti percentuali, che le attività commerciali e artigianali, con circa 5 punti percentuali di aumenti. Il nostro voto è stato contrario per entrambi i provvedimenti.
Abbiamo sottolineato che, tra le tante promesse non mantenute, vi è la mancata previsione di agevolazioni parziali o totali per le nuove Start up, insediate nel centro storico, come proposto dal m5sAltamura e ribadito dallo stesso Giacinto Forte in campagna elettorale.

Non vogliamo che la pessima gestione politica ed amministrativa ricada sulle spalle degli altamurani, sia in termini di aumento della tassazione, sia come scarsa qualità del servizio. Siamo convinti che, se si fosse lavorato meglio in questi primi 9 mesi di amministrazione, avremmo potuto raggiungere risultati diversi, così come avevamo suggerito all'amministrazione Forte, sin dai primi mesi di mandato.
Per quanto riguarda la TASI, il provvedimento portato in consiglio riguardava la riduzione della aliquote. Il Movimento 5 Stelle, naturalmente, ha votato a favore della riduzione della pressione fiscale. Tuttavia non abbiamo condiviso la scelta di agevolare le seconde e terze abitazioni (sulla base di un criterio catastale) anziché coloro che oggi non producono reddito, perché senza lavoro e/o con famiglie numerose.
Rispediamo al mittente il ridicolo tentativo di Loizzo e Forte di strumentalizzare il voto di Pietro Masi sui suddetti provvedimenti. Per accrescere l'autostima basta agire nell'interesse della città. Per esempio: quando inizieremo seriamente a lavorare per diventare comune RICICLONE!

Altamura, lì 28/04/16

Pietro Masi
consigliere comunale M5S


Altamura - 

il peso del petrolio fb(2).jpg

La cittadinanza intera è invitata a partecipare.
L'acqua del Pertusillo, che beviamo in Puglia, è sempre più in pericolo per le trivellazioni petrolifere che stanno devastando la Basilicata... Eppure non ne parla quasi nessuno:
noi lo faremo con
- Prof.ssa Albina Colella (Ord. Geologia Univ. Basilicata)
- Loretta Moramarco (com. pugliese #AcquaBeneComune - Rete #salvalacqua)
- Mario Conca (#m5s #puglia)
introduce Pietro Masi (#m5sAltamura)

EVENTO FB


Altamura - 

Locandina_Microcredito_def.jpg

Il Movimento 5 Stelle Altamura invita all'evento del 26 febbraio presso il S.V. Maino

MICROCREDITO. I soldi restituiti dai 5 stelle tornano ai cittadini.

Interverranno Francesco Cariello (M5S Camera Deputati) e Mario Conca (M5S Regione Puglia)


Venerdì 26 febbraio ad Altamura (sala Simone Viti Maino) si parla di economia locale in crisi, di stretta del credito da parte degli istituti bancari e di come sia ancora possibile trovare un rimedio concreto a tutto questo. Il fondo di garanzia per il MICROCREDITO, ha l'obiettivo di finanziare lavoratori autonomi e micro imprese che non sono in condizione di rivolgersi al sistema creditizio tradizionale per assenza di idonee garanzie. Istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico il fondo è finanziato per oltre 10 MILIONI di euro dai parlamentari del M5S che rinunciano ad una parte cospicua del proprio stipendio.
Soldi pubblici che tornano nelle tasche delle comunità locali. Il tetto finanziabile è di 25mila euro, ma in taluni casi è possibile arrivare a 35mila per aziende esistenti o idee imprenditoriali legate all'agricoltura, all'artigianato, al commercio, ai servizi e a tutte le start up innovative. "Anche gli altamurani potranno prendere la propria parte" dichiara Pietro Masi (consigliere M5S comune di Altamura). E aggiunge "Questo strumento si aggiunge a quello promosso dalla diocesi di Altamura e dalla Caritas con l'auspicio che anche il comune faccia la sua parte come già accade in altre realtà".
Confidiamo nella partecipazione di tutte le associazioni di categoria imprenditoriali, degli istituti bancari del territorio, dei liberi professionisti del settore e, non ultima, si ritiene importante la presenza degli studenti, in particolare, di coloro che stanno ultimando un percorso di formazione tecnica e professionale ,che potrebbero utilizzare questa opportunità di finanziamento per divenire gli imprenditori di domani.

Pietro Masi (consigliere M5S Altamura)

venerdì 26 Febbraio 2016 ore 18,30
Sala Simone Viti Maino, p.zza Zanardelli - Altamura,

Interverranno

Francesco Cariello, portavoce M5S alla Camera dei Deputati e

Mario Conca, portavoce M5S al Consiglio regionale Puglia

A margine dell'incontro sarà possibile istruire le pratiche in tempo reale.


Altamura - 


interrog parco ulivi.jpg
Comunicato Stampa

INTERROGAZIONE M5S IN REGIONE SULLE ZONE F1 (TIPO SUOLO ROSSI)

L'assessore regionale chiarisce: "Inappropriato ed incongruo ricomprendere,
tra le attrezzature di interesse comune, gli esercizi commerciali,
le strutture ricettive e simili"

Questione suolo Rossi - Parco degli Ulivi
Il progetto, approvato in Zona F1 del Piano Regolatore Generale (zona a servizio delle residenze) del PRG, ha provocato un salutare dibattito sia tra i cittadini sia in sede istituzionale. Il Movimento 5 Stelle Altamura dopo aver raccolto le istanze dei Comitato "Salviamo il parco degli ulivi", presentando una mozione a firma del portavoce Pietro Masi e di Rosa Melodia (abc), non si è fermato.
Gli uffici preposti provvedevano comunque a riesaminare il progetto in discussione, pur non avendo sospeso le autorizzazioni, e tanto meno i lavori, attualmente in corso.
Di concerto con i portavoce M5S in Consiglio Regionale (Conca, Trevisi e Casili) il M5S Altamura ha presentato il 26/11/2015 una interrogazione a risposta scritta all'Assessore Regionale alla Pianificazione Territoriale, Prof.ssa Annamaria Curcuruto. Prendendo spunto dal caso specifico abbiamo deciso di dare alla questione la sua naturale valenza regionale, normativamente parlando.

Questa interrogazione è stata posta considerando che la risposta costituisce il più autorevole parere tecnico-amministrativo in merito, sperando che possa dipanare dubbi e perplessità sulle specifiche normative trattate, nell'interesse di tutti i 258 Comuni pugliesi.
La Curcuruto precisa, tra l'altro: "Le tipologie di attrezzature ammissibili, in ogni caso di uso pubblico, da assicurare attraverso le adeguate forme convenzionali-sono necessariamente quelle espressamente ricomprese nell'ambito delle disposizioni del citato Art. 3 del D.M. 1444/1968, comunque prevalenti rispetto alle indicazioni della pianificazione urbanistica locale"
Si può desumere, dalla risposta pervenuta, che le motivazioni del comitato cittadino contemplate in questa interrogazione erano sostanziali, e che non c'è molto da interpretare riguardo le prescrizioni normative in oggetto.
A QUESTO LINK il documento con la risposta dell'Assessore, che il M5S mette a disposizione del Comitato dei cittadini e degli Uffici preposti all'esame delle pratiche urbanistiche, con l'auspicio che possa essere di supporto alle rispettive valutazioni ed azioni a compiersi.
M5S Altamura


Altamura, lì 22.02.2016

Gruppo Consigliare
Movimento 5 Stelle Altamura


Altamura - 

baratto amministrativo.jpg

Ieri, in consiglio comunale, la mozione "Baratto amministrativo" presentata dal Movimento 5 Stelle di Altamura è stata approvata all'unanimità.

Il provvedimento consentirà ai cittadini che non sono in regola con i tributi locali e che sono in difficoltà economica, di contribuire con ore di lavoro a servizio della comunità.

La proposta nasce dalla constatazione che sempre più concittadini altamurani incontrano difficoltà nel pagamento dei tributi comunali.
‪#‎m5saltamura‬ ‪#‎dallapartedeicittadini‬
Pietro Masi Consigliere Comunale M5S Altamura


Altamura - 

Errol-Flynn-Robin-Hood.jpg

Comunicato stampa

Forte, il Robin Hood al contrario:
prende ai poveri per dare ai ricchi

SI al maxi "ampliamento" De Cecco,
SI al pagamento di 700 mila euro ai Columella per i suoli a pascolo
attorno al pietraio dei dinosauri
NO secco alla riduzione dello stipendio di sindaco e assessori

Ad Altamura possiamo dormire sonni tranquilli.
A patto di far parte di quella piccola fetta di popolazione che gestisce grandi aziende, attinge a finanziamenti pubblici per fare interessi privati, si arricchisce facendo il politico di profes­sione da qualche lustro.
In un solo consiglio comunale la maggioranza TROPPOFORTE mette a segno tre importanti col­pi che metteranno a dura prova le casse comunali e che alla fine ricadranno su di noi, comuni mortali.

DI INTERESSE PUBBLICO AL 250% !!!
L'approvazione della richiesta di ampliamento avanzata dalla De Cecco per l'opificio sito in via Corato è una delle ultime perle inanellate dalla Commissione Urbanistica diretta da Nicola Fe­dele Loizzo (in arte il cireneo).
Il consigliere (già AN, ex PDL ora Fratello d'Italia) e la sua maggioranza ignorano le prescrizio­ni della stessa Regione Puglia, che ammette un aumento massimo del 100%, e solo nel caso di opere di interesse pubblico (BURP n°196 del 20/12/2011).
Dunque, se si vuol più che triplicare i volumi di qualcosa di esistente (si parla del 250%) questa si deve autorizzare come nuova costruzione e ciò imporrebbe altra procedura e non uno sbrigativo quanto superficiale passaggio in consiglio comunale.
Quanto alla determinazione di "interesse pubblico" che legittima la deroga alle norme, non abbiamo riscontro di alcun impegno sottoscritto dall'azienda sia in termini di posti di lavoro sia di valorizzazione delle produzioni locali. Cosa ne pensano produttori e commercianti ce­realicoli locali?
La risposa del Cireneo è stata: "Non conosciamo la loro politica aziendale!!". Intanto danno l'ok....
NON SE LO TAGLIANO... LO STIPENDIO
Rigettata (con soli 5 voti a favore) la nostra proposta di ridurre le indennità di sindaco e as­sessori. Stacca guadagnava 3.000 euro, Forte 3.700 euro. Anche gli assessori stacchiani guada­gnavano di meno (nonostante fossero in numero maggiore).
La nostra era una proposta nata dai cittadini, stanchi di essere i soli a fare sacrifici, ma nien­te da fare, mozione respinta. Ecco cosa succede quando "li tocchi a soldi"!!!!

PASCOLO DEI DINOSAURI: COLUMELLA ri-CAVA 700 MILA EURO!!!!
Quella di cava Pontrelli è una brutta storia. Già nei possedimenti della famiglia Columella quando nel 1999 vengono rinvenute migliaia di impronte di dinosauri risalenti ad 80milioni di anni fa.
Da allora tutto si è fermato, tranne le intemperie che hanno messo a dura prova la paleosu­perficie.
Capiamo che da 17 anni uno dei siti più importanti del mondo è in balia di amministratori miopi e funzionari poco attenti, perchè incapaci di espropriare quello che in altri paesi sareb­be già patrimonio dell'umanità nonché attrazione turistica senza eguali.
Capiamo che il tempo ed il rischio di contenziosi sono elementi importanti. Ma quando il valore già inizialmente sovra-stimato 350 MILA euro, raddoppia nel corso della procedura, qualche domanda bisogna pur farsela.
Ad un aumento del 50% del valore stimato (che porterebbe a 500 mila euro), previsto in caso di accordo volontario, si poteva evitare di aggiungere 150mila euro a titolo di valore d'uso pubblico del bene? Soldi per la ri-sistemazione e valorizzazione del sito, ne sono rimasti?
Domande lecite e doverose, dato che non non siamo a conoscenza di una progettualità in me­rito.
Il Columella è come i gatti, cade sempre in piedi. Perde la cava, ma ci ri-CAVA un bel gruzzo­letto: cede un pietraio come fosse terra al Garagnone, come se quello che è un parco (zona a pascolo) fosse già il PARCO DEI DINOSAURI con tanto di stima di migliaia di visitatori, biglietti da vendere, pop-corn e panini griffati.
Tempi duri per partite iva, start-up, operai, lavoratori atipici e disoccupati.
Loro sono loro e voi non contate un clacson!

Altamura, 1/12/2015
Gruppo consiliare
Movimento 5 Stelle Altamura

I candidati a Altamura

  • user-pic
    Pietro Masi
  • user-pic
    Alberto Aruanno
  • user-pic
    Andrea Moramarco
  • user-pic
    Angela Masi
  • user-pic
    Annamaria Galetta
  • user-pic
    annamaria perrucci
  • user-pic
    Antonia Dileo
  • user-pic
    Caterina Anselmi
  • user-pic
    Domenico Giacomobello
  • user-pic
    domenico loizzo
  • user-pic
    Donato Pinto
  • user-pic
    Eliana Loiudice
  • user-pic
    francesco ninivaggi
  • user-pic
    Francesco Stella
  • user-pic
    giacomobello mariangela
  • user-pic
    IRENE MERCADANTE
  • user-pic
    Luca Nanna
  • user-pic
    Michele Denora
  • user-pic
    Michele Loporcaro
  • user-pic
    MICHELE PAPANGELO
  • user-pic
    raffaele difonzo
  • user-pic
    Saverio Carone
  • user-pic
    Vincenza Decandia
  • user-pic
    vito labarile