MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Ancona - 

Giù le mani dal nostro mare: no alle trivelle e basta sversamenti in spiaggia ad ogni pioggia!

Sabato 25 mattina ore 10.00 manifestazione M5S con partenza dalla spiaggia libera di Collemarino e attraverso tutta la spiaggia di Palombina Nuova.
Sarà un'occasione per informare i cittadini sulle trivelle in vista del referendum per il quale stiamo raccogliendo le firme e per informarli anche delle soluzioni che M5S propone per fermare gli sversamenti in mare e i divieti di balneazione:

La situazione è diventata insostenibile e nell'ultimo anno le Amministrazioni comunali di Ancona e Falconara non hanno fatto nulla per risolvere la situazione e lo studio commissionato da Multiservizi porta a conclusioni totalmente sballate perché costosissime e con conseguenze ambientali gravissime.

Basti pensare che si tratterebbe di posizionare sotto 1,5 km lineari di spiaggia delle vasche di calcestruzzo della profondità di 4 metri, scavando oltre 60.000 metri cubi di spiaggia. Vasche che al contatto con l'acqua marina avrebbero sicuramente una durata limitata nel tempo con il risultato di buttare via i soldi per uno scempio ambientale ingiustificabile.

Lo studio non approfondisce invece, liquidandolo in poche righe e definendolo costoso senza entrare nel dettaglio, l'unica soluzione che ci appare utile, ovvero evitare che le acque piovane si mescolino alle cosiddette acque nere causando gli sversamenti.

Sabato mattina dalle ore 10.00 il MoVimento 5 Stelle organizza una manifestazione di protesta che partirà dalla spiaggia libera di Collemarino e attraverserà la spiaggia di Palombina Nuova.
Giù le mani dal nostro mare !! Basta con gli sversamenti in mare!!
Tuteliamo la nostra salute, il diritto alla balneazione e le attività economiche degli stabilimenti.

giu le mani dal nostro mare.jpg

Incontro pubblico 17/6/16


Ancona - 

Vi aspettiamo!incontro venerdì 17 giugno.jpg


Ancona - 

Come lo scorso anno, alla prima pioggia ci ritroviamo con il problema degli sversamenti in mare e con i divieti di balneazione che danneggiano i cittadini e gli operatori balneari per le loro attività economiche.

E' stato un anno perso, grazie all'immobilismo della Giunta Mancinelli e di Multiservizi Spa, che ora si presenta con uno studio commissionato all'esterno (una società di Torino ed una di Pesaro, quando all'Università di Ancona abbiamo un ottimo dipartimento di idraulica), che presenta cinque differenti soluzioni (A, A1, B, B1 e C, mentre l'ultima, la D, non è trattata) per risolvere il problema.

Tutte le soluzioni, e in parte minima l'ultima, prevedono in ogni caso la costruzione di vasche di equalizzazione, che in caso di pioggia intercettino la grande quantità di acqua senza farla fuori uscire, in attesa di convogliarla al depuratore, da realizzare con costi che oscillano tra i 40 e i 50 milioni di euro, con vere e proprie colate di calcestruzzo per un totale di oltre 7.000 metri cubi, sventrando oltre 60.000 metri cubi di litorale, per posizionarle sotto la spiaggia, con conseguenze ambientali gravissime, non contemplate nello studio presentato da Multiservizi Spa.

Neanche un accenno, poi, ai viaggi degli autotreni sull'arenile, che secondo i nostri calcoli dovrebbero percorrere circa 14.000 km., tenuto conto dei pochi accessi in grado di far entrare i mezzi in spiaggia.

Va poi tenuto conto che le vasche di calcestruzzo sarebbero posizionate in un ambiente dove scorre l'acqua marina, in grado quindi di ammalorarle dopo poco tempo con il risultato di vedere andare in fumo milioni di investimenti, senza contare eventuali danni all'eco sistema.

L'unica soluzione che sembra di buon senso è quella che non viene approfondita dallo studio, che prevede la separazione delle acque chiare dalle acque nere, visto che il depuratore è in grado di ricevere le acque nere e che viene messo in crisi solo dalle acque chiare in caso di pioggia. Non si capisce per quale motivo lo studio presentato da Multiservizi liquidi questa soluzione in appena 19 righe su 200 pagine di relazione, tralasciando tutta una serie di aspetti positivi, non ultimo dei quali quello della possibile realizzazione da parte di piccole aziende locali a cui si potrebbe dare lavoro.

Contrariamente a quanto scritto nella relazione, poi, sarebbe un investimento meno costoso delle altre ipotesi, ma con il vantaggio, già sperimentato da altre località balneari, di risultati sicuramente positivi a fronte di un investimento duraturo e vantaggioso per tutti nel lungo periodo.

Il MoVimento 5 Stelle non ha dubbi nell'appoggiare questa soluzione e, assieme agli altri consiglieri di opposizione, presenterà formale richiesta di convocazione di un consiglio comunale aperto per far esprimere in tal senso l'organo consiliare.

Le bandierine del PD...


Ancona - 

Il Pd anconetano oggi ha messo la sua bandierina sul Baratto Amministrativo...

Pur di non votare la mozione depositata a LUGLIO 2015 dal M5S di Ancona, per l'introduzione dell'istituto del Baratto Amministrativo nel nostro comune, ha presentato una propria mozione (a firma Pistelli - Fazzini - Sanna) lo scorso 30/03, il cui testo è frutto di un copia incolla. Votabili entrambe, secondo il Presidente Pelosi, in quanto la seconda è stata definita SIMILE ma non IDENTICA alla nostra.

La nostra, "appesa" da mesi, chiedeva l'impegno di Sindaca e Giunta alla redazione di un regolamento, quella della maggioranza, INVECE, l'impegno di Sindaca e Giunta alla redazione di un regolamento in base alla legge.... La nostra è stata bocciata..la loro approvata.

Segnale? Ci rincorrono... bene così!

Diomedi - Gambacorta - Prosperi M5Sbaratto amministrativo.jpg


Ancona - 

locandina stop trivday.jpg

Sabato 21 maggio alle ore 11 presso la Trattoria Irma, in Piazza San Primiano al Molo Nord del Porto di Ancona, verrà presentato il Tour nazionale "Giù le mani dal nostro mare 2016", con il quale il MoVimento 5 Stelle prosegue la sua attività a difesa dell'ambiente e di informazione a tutti i cittadini dei rischi connessi alle attività di ricerca di idrocarburi nei nostri mari, con particolare riferimento alle trivellazioni.

Il Tour 2016 avrà inizio nel mese di giugno e terminerà a settembre, toccando importanti località balneari nelle regioni Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Tappa finale nel Comune a 5 Stelle di Ragusa.

Alla conferenza stampa parteciperanno portavoce del MoVimento 5 Stelle in rappresentanza del Parlamento e delle Istituzioni locali dove farà tappa il Tour.

Sabato 28 maggio ci sarà un'anteprima con lo Stop Triv Day, una giornata dedicata a banchetti informativi sul tema delle trivellazioni e delle ricerche petrolifere.
Vi aspettiamo !!! Giù le mani dal nostro mare !!!


Ancona - 

Incontro aperto a tutti coloro che hanno a cuore la nostra città e sono curiosi di sapere chi sono e cosa fanno i cittadini all'interno del consiglio comunale.
Venite a conoscere il MoVimento 5 Stelle di Ancona Mercoledì 25 Maggio alle ore 19,00 : parole e poi musica (con Mario Cacciani) presso il CircoloOff
(via Achille Barilatti, 38)
E' gradita la conferma Emoticon smile
https://www.facebook.com/events/862160907245545/
banner chi partecipa.jpg


Ancona - 

Apprendiamo dal Corriere Adriatico che gli Ispettori dell'ANAC hanno concluso con una relazione l'attività ispettiva promossa sulla gestione del Comune di Ancona e su alcune delle segnalazioni trasmesse dai Consiglieri comunali dei gruppi di opposizione, a fronte del silenzio del Sindaco, della Giunta e di alcuni dirigenti che hanno persino irriso i Consiglieri definendoli "visionari".

Nel merito i rilievi degli Ispettori sono pesantissimi e per qualche caso si profilerebbero persino reati e la Giunta dovrà riferire al Consiglio comunale. La cosa che va chiarita preliminarmente è se la relazione dell'ANAC è stata trasmessa al Comune e in caso affermativo per quali motivi non si è informato immediatamente il Presidente del Consiglio per convocare rapidamente il Consiglio comunale a fronte di una trasmissione degli atti ispettivi alla Procura della Repubblica e alla Procura della Corte dei conti.

Il quotidiano riporta una serie di anomalie che proprio noi del M5S abbiamo nel corso di questi anni segnalato all'Anticorruzione: avevamo ragione!

E' ovvio che se la notizia è stata occultata al Consiglio comunale il Sindaco e la Giunta ne dovrebbero trarre le doverose conseguenze: le dimissioni immediate!

Cantone censura il Comune.jpg


Ancona - 

La solita Giunta Mancinelli: finge coinvolgimenti popolari con iniziative su bilanci e libri dei sogni, ma poi tira fuori dal cilindro vendite di beni pubblici all'insaputa o contro la volontà dei cittadini.

Abbiamo appena assistito alla vendita di Prometeo all'insaputa del Consiglio comunale, ad un prezzo che nessuno sa se sia congruo, ed ecco che la Mancinelli annuncia che il Pd approverà la variante ad uso alberghiero per vendere l'ex convento dei cappuccini in barba al referendum di alcuni anni fa, con il quale 20.000 anconetani si erano espressi contro l'albergo all'interno del parco del Cardeto.

Già un paio di anni fa avevamo lanciato l'allarme, quando la Giunta comunale aveva dato il nulla osta ad una richiesta proveniente dalla Regione di inserire l'immobile tra le vendite della cassa Depositi e Prestiti.

Allora ci risposero che comunque era zona del demanio militare per cui esistevano vincoli ad un differente utilizzo. Ora la sorpresa della trasformazione in albergo, per un immobile che, tra l'altro, non è di proprietà del Comune di Ancona e quindi l'eventuale vendita riteniamo non comporti benefici per le casse comunali.

E' inammissibile che non si tutelino le bellezze naturalistiche del Parco e un patrimonio storico-culturale come il Cimitero Ebraico.
Quindi, si tratta della solita operazione di un Pd che, al di là della collocazione istituzionale di centro sinistra, ignora ambiente e cultura ed è affaccendato ad accontentare solo i potenti e gli speculatori, a partire dagli sconti sugli oneri per l'ex Metro, alle varianti per permettere di realizzare nuove volumetrie a chi aveva condonato abusi edilizi, mentre per i normali cittadini ci sono solo aumenti di tasse a livelli di record. Ora per chi sarà il favore per l'ex Convento dei Cappuccini? Sarà tutto inutile, perchè anche stavolta i cittadini sapranno farsi valere e il MoVimento 5 Stelle sarà con loro.


Ancona - 

Ma quale calo dei TIR e aumento dei costi !!!!
22 milioni di veicoli l'anno, numero necessario per far quadrare i conti dell'opera, sarebbero stati possibili solo ampliando il porto di Ancona per farlo diventare capiente come quello di Rotterdam!!

Le ipotesi erano talmente sballate che l'avrebbe capito anche un bambino della prima elementare tranne, ovviamente, i nostri assessori della Giunta Mancinelli che hanno difeso pubblicamente a spada tratta l'indifendibile coprendosi anche di ridicolo.

Ed è proprio questa difesa ad oltranza del Pd e dei suoi sodali che non torna e fa presagire che alla fine si troveranno soldi pubblici, e tanti, per fare un'opera sbagliata da un punto di vista ambientale, invasiva e a ridosso della zona frana, con tutti i rischi del caso.

Soldi pubblici che invece andrebbero utilizzati per spostare la ferrovia a fianco dell'asse autostradale per trasformare le linee interne, da Senigallia e Porto Recanati, come metropolitana di superficie e alleggerire tutto il traffico su gomma. A quel punto la ferrovia potrebbe essere utilizzata anche per il trasporto dei TIR all'interporto, così come avviene nei maggiori porti europei. Ma si sa, per il Pd anconetano e marchigiano la ferrovia va bandita a favore del trasporto su gomma, in perfetta controtendenza con il resto del mondo che lavora per una mobilità sostenibile.

verdetto finale 22-4-16 corr adr.jpg


Ancona - 

images (1).jpg

E' curioso che il management di Multiservizi Spa sbandieri sui giornali la bontà dell'operazione di vendita di Prometeo Spa ma si sia dimenticato di illustrare i numeri ai Consigli comunali dei Comuni soci. Perché un'azienda del presunto valore di 60 milioni di euro, proprietà dei cittadini della Provincia di Ancona, è stata scambiata con quote di minoranza della Estra Energie Srl?

Chi ha deciso a quale prezzo disfarsi di un bene pubblico? I manager di Multiservizi Spa che potrebbero ottenere nuove poltrone per 3 anni? Non è quanto meno anomalo che dei manager decidano in autonomia a quale prezzo vendere un bene pubblico? Oppure sono stati soltanto meri esecutori delle decisioni prese dal Pd? Perché non far vedere alla luce del sole tutti i numeri e le valutazioni fatte? Perché hanno ignorato le segnalazioni del Collegio dei Revisori del Comune di Ancona che hanno ipotizzato per questa operazione delle gravi irregolarità?

Le anomalie sono veramente tante. Non che sia strano per un Comune già attenzionato dall'Anticorruzione del Dott. Cantone, ma stavolta sembra proprio che abbiano passato ogni limite.

I candidati a Ancona

  • user-pic
    Andrea Quattrini
  • user-pic
    alessandro ghiotti
  • user-pic
    Alessandro Nesi
  • user-pic
    Alessandro Ricci
  • user-pic
    andrea aureli
  • user-pic
    angelo mogliani
  • user-pic
    Antonio Ghiotti
  • user-pic
    Bianca Marchetti
  • user-pic
    CRISTINA LAZZERI
  • user-pic
    daniela diomedi
  • user-pic
    FRANCESCO RENI
  • user-pic
    Gabriele Guidi
  • user-pic
    Giancarlo Palestini
  • user-pic
    Gianni Maggi
  • user-pic
    Gianni Polenta
  • user-pic
    Isabella D' Aurizio
  • user-pic
    Matteo Sini
  • user-pic
    paolo paladini
  • user-pic
    Riccardo Carmenati
  • user-pic
    RUGGERO
  • user-pic
    simone grande
  • user-pic
    Vincenzo Fasoli
  • user-pic
    Vittorio Carloni