View; MT.commentIds = [];

Bolzano e l' ecocemento

via druso.jpgNuovo quartiere ecosostenibile in via Druso: L'area complessiva è di circa 5 ettari di verde agricolo, suddivisa in tre lotti.Saranno i privati a costruire circa 550 nuovi alloggi (considerato un taglio di 90 mq)  parte dei quali (circa 60%) destinati ad edilizia abitativa agevolata (cooperative).
Quartiere Casanova: altri 350 alloggi pronti per l'uso, senza che ci siano le necessarie infrastrutture.
Quartiere Gries: per 100 alloggi si distrugge una piazza storica.
Quartiere Piani: un altro insediamento critico al limite della vivibilità, al quale, nonostante un abuso edilizio, è stato accordato il premio di cubatura.
Quartiere Centro: gli scempi edilizi firmati Tosolini e Podini in pieno centro storico di Bolzano.
Si costruiscono migliaia di appartamenti senza conoscere il fabbisogno.
Con questi nuovi alloggi si arriverà ad un rapporto di una abitazione ogni due abitanti, quando nel 1991 il rapporto era di uno a tre.
Non si può nemmeno dare la colpa ai migranti che, nella maggior parte di casi vivono in situazioni di sovraffollamento. Per non parlare della zona industriale, devastata da mostri di cemento. Poi ci sono i garage, perché il cemento bisogna metterlo anche sottoterra!

Ma che cosa significa: ecosostenibile,nuova zona CO2 neutrale,insediamento completamente sostenbile per la qualità ecologica della vita?
"Standard di eccellenza nel campo del risparmio e dell'efficienza energetica, della tutela ambientale, della qualità del verde e degli spazi pubblici, del sistema insediativo in generale." ?

Parole vuote, prive di significato, o meglio l'unico significato è quello di creare un bel involucro all'ennesimo pacco di cemento da calare sulla città.
Perché costruire ancora, perché farlo quando ci sono a Bolzano migliaia di appartamenti vuoti e invenduti?
Costruire inutilmente è sempre e comunque un grande spreco di risorse, oltre che di denaro; rappresenta inevitabilmente una produzione enorme di CO2, altrochè neutralità!
Parole, parole, parole....
Gli aggettivi non si sprecano mai quando si progetta un quartiere. Ricordate Firmian o Casanova? Dovevano essere quartieri modello, simbolo di vivibilità e sostenibilità; nel tempo sono diventati quartieri dormitorio, come molti altri, e solo le proteste di numerosi cittadini ne hanno rilevato le carenze e le criticità.
Parole, parole, parole....
Via Druso, già gravata da enormi problemi di viabilità, riuscirà a sopravvivere a questa ennesima immissione di autoveicoli sulla stessa direttrice?
Parole, parole, parole.....
Alla fine rimangono due fatti di cui è responsabile la cattiva politica che amministra la città:
- un'altra parte di città cementificata: il brutto avanza e la qualità della vita diminuisce;
- aumentano i guadagni dei costruttori e delle cooperative, sempre più orientate a trasformarsi in vere e proprie imprese edili private, dove contano più gli utili che i reali bisogni dei soci.

Claudio Vedovelli