View; MT.commentIds = [];

Cozza Day

user-pic
Vote 0 Votes


Cozza day
Come nel resto d'Italia anche dalla nostra città, senza utilizzare alcun contributo pubblico diretto o indiretto, ma a spese di ogni partecipante, è partito un autobus di manifestanti alla volta del Cozza day a Roma, per manifestare pacificamente il proprio sdegno per il rifiuto del Parlamento di discutere una legge di iniziativa popolare:

cozza day.jpg

◦niente condannati in via definitiva in Parlamento;
◦ripristino delle preferenze elettorali;
◦massimo di due mandati (ci sono politici che vantano oltre 10 legislature...).
Niente di così sconvolgente per un paese normale. Ma l'Italia, lo sappiamo bene, deve sempre distinguersi e così queste 350.000 firme giacciono, a prendere polvere, negli scantinati del nostro Senato. La protesta è contro il silenzio della proposta di legge sul Parlamento pulito presentata da Beppe Grillo con una raccolta di 350 mila firme e che giace in Senato dal 2007. La proposta di legge vuole evitare che in futuro sieda in aula chi ha condanne penali e chi ha già fatto più di due mandati.

La legge porcata di Calderoli fu approvata dal governo Berlusconi nel 2006, gli successe Prodi che in due anni non la cambiò. Nessuno protestò.

Ci siamo trovati all'ora di pranzo, in Piazza Navona, insieme a tantissimi altri amici provenienti da tutta italia: Sardegna, Sicilia, Trentino, Puglia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto... una moltitudine di facce e sorrisi, di speranza e voglia di combattere per essere ancora degni di sentirsi "italiani". C'erano giovani, meno giovani, anziani... in una parola, CITTADINI.

Abbiamo sfilato in silenzio da Piazza Navova fino a Montecitorio, educatamente e senza arrecare disagio alcuno. E sotto Montecitorio abbiamo gridato forte la nostra rabbia e la nostra indignazione verso un Governo ed una opposizione conniventi nel disastro che hanno fatto, e continuano a fare, alla nostra Italia.

Siamo contenti che migliaia di cittadini continuino a firmare contro l' attuale legge elettorale, ci sorprende però il silenzio totale dei referendari sulla nostra proposta di legge d' iniziativa popolare presentata in Parlamento e dopo 4 anni non ancora discussa. C'è puzza di cozze!

M5SBZ