View; MT.commentIds = [];

M5STELLE - BOLZANO - CENSIMENTO ALLOGGI SFITTI

user-pic
Vote 0 Votes

A Bolzano Sindaco e Assessore all'urbanistica non conoscevano il numero delle abitazioni in città. Non si preoccupavano nemmeno di censire gli alloggi sfitti per verificare il fabbisogno reale prima di continuare a costruire. Tra residenziale e non per dieci anni si è andati avanti a un ritmo di 1,5 milioni di metri cubi. Ogni spazio libero era un'occasione per la speculazione edilizia per costruire un fabbricato fino a 5 metri da quelli vicini, magari in mezzo per togliere completamente vista e luce.
Più volte abbiamo chiesto un censimento costante dello sfitto, ma alla fine abbiamo dovuto provvedere noi.
Per la prima volta a Bolzano è stato fatto un censimento incrociato e i risultati comunicati attraverso una conferenza stampa, alla quale sono intervenuti, per la prima volta tutti i quotidiani locali, compresi quelli tedeschi e tre televisioni.
Abbiamo preso in esame i dati dell'azienda energetica locale, della partecipata che si occupa dello smaltimento rifiuti ed altri dati catastali e statistici per fare gli opportuni incroci.
Abbiamo scoperto così che il Comune di Bolzano affidava saltuariamente (in occasione dei censimenti decennali) il compito di indicare il dato presunto dello sfitto, solo rivolgendosi all'azienda energetia per indicate il numero dei contatori della luce chiusi. Non venivano presi in considerazione i contatori a consumo zero che mediamente risultavano il 74% di quelli chiusi. Il risultato è stato che tra utenti senza contratto (contatori chiusi =2600) e contatori nulli se ne contavano più di 4.000.
Le utenze in essere per l'immondizia erano 45.656 su 50.956 abitazioni. Vale a dire che risultavano 5.300 proprietari che tenevano l'alloggio sfitto o che evadevano la tassa sui rifiuti.
Il terzo incrocio per confermare uno sfitto di quasi il 10% dell'abitativo cittadino ha preso in esame il costruito negli ultimi dieci anni. Abbiamo così scoperto che in dieci anni erano stati costruiti 8398 nuovi alloggi, vale a dire il 20% in più rispetto al censimento 2001! Comparando il dato con l'incremento dei redenti 9.036 e l'ampiezza delle famiglie nel periodo 2,2 abbiamo ottenuto il risultato del costruito oltre il fabbisogno abitativo: ben 4.200 abitazioni che spiega il grande numero di sfitto.
L'analisi ha riguardato anche la richiesta sociale, praticamente nulla. La domanda di appartamenti dell'edilizia sociale è stata di 200 nuclei su 48.600 e quasi tutti erano sotto il punteggio minimo per rientrare negli aventi diritto.
Lo studio completo è visibile nel sito http://www.altoadige5stelle.it/ e in http://www.bolzanobella.it